Guariti dal Coronavirus, 11 migranti sbarcano dalla Moby Zazà

Sulla nave quarantena a largo di Porto Empedocle, nella zona rossa restano 19 persone, di cui 4 ancora positive

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:20
migranti

Sono 11 i migranti che, dopo essere guariti dal Coronavirus, sbarcheranno dalla nave quarantena Moby Zazà, situata al largo di Porto Empedocle, in provincia di Agrigento. La conferma dell’avvenuta guarigione arriva dai risultati del doppio tampone rino-faringeo eseguito nei giorni scorsi. Nella zona rosa della nave, al momento ci sono 19 persone: 4 sono ancora positive al coronavirus; c’è poi anche qualche caso dubbio.

Il gruppo di migranti

Il gruppo dei 30 risultati positivi e imbarcati sulla nave quarantena Moby Zazà faceva parte dei 211 migranti che nelle passate settimane furono salvati in acque internazionali, dalla Sea Watch3. Fra loro anche una 31enne incinta del Camerun che, risultata positiva al virus, fu fatta evacuare dalla nave-quarantena e trasferita all’ospedale Cervello di Palermo. Un uomo, subito dopo lo sbarco, fu trasferito all’unità operativa di Malattie infettive dell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta.

Lunedì prossimo, intanto, terminerà la sorveglianza sanitaria per i 150 migranti salvati dalla Ocean Viking e ospitati sulla Moby Zazà. Anche loro, prima di lasciare la nave, verranno sottoposti a tampone rino-faringeo.

La situazione della Moby Zazà

Poi, l’armatore – che ha già annunciato di non voler più prorogare il contratto con lo Stato – dovrà attendere la completa guarigione degli attuali 4 positivi e le verifiche sui casi dubbi. Soltanto quando tutti i migranti verranno sbarcati, concludendo il periodo di sorveglianza sanitaria previsto, la nave-quarantena Moby Zazà potrà riprendere il largo e lasciare le acque antistanti Porto Empedocle (Agrigento).

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.