Giornata per la Vita, appello condiviso: “Combattere la cultura dello scarto”

Nella Giornata incentrata sul tema "Custodire ogni vita", un invito congiunto a tutelare la dignità di ogni essere umano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:26
Giornata vita

“Custodire ogni vita”. Un concetto che potrebbe apparire semplice, alla portata di ogni riflessione. Eppure ogni giorno messo in discussione, dalle insidie della psicologia dell’indifferenza. Quella da cui, ogni giorno, mette in guardia Papa Francesco che, dalla finestra in affaccio su Piazza San Pietro, conclude l’Angelus domenicale ricordando il valore della Giornata nazionale per la Vita, giunta alla sua 44esima ricorrenza. Con un tema che ricalca quell’esatto concetto, “Custodire ogni vita”. Un appello che, ha ricordato il Santo Padre, “vale per tutti, specialmente per le categorie più deboli: gli anziani, i malati, e anche i bambini a cui si impedisce di nascere. Mi unisco ai Vescovi italiani nel promuovere la cultura della vita come risposta alla logica dello scarto e al calo demografico. Ogni vita va custodita, sempre”.

Tutelare la vita

Un’occasione, quella della Giornata nazionale, per ribadire il primato della vita e la sua intangibilità, fin dal grembo materno. Non è un caso che la ricorrenza sia stata istituita nel 1978, anno dell’istituzione della Legge 194 sull’interruzione volontaria di gravidanza. Ma è soprattutto un momento di riflessione sul valore stesso dell’esistenza e sul bisogno di non cadere nella tentazione di essere indifferenti al bisogno dell’altro. Perché ogni vita ha il suo valore e il diritto a essere a tutelata. Specie in un momento storico in cui il nostro Paese più di altri sperimenta gli effetti deleteri dell’inverno demografico. Una deriva da contrastare per salvaguardare il nostro stesso futuro.

Meloni: “Ogni persona è irripetibile”

Un tema che ha incontrato l’assenso trasversale del mondo culturale e politico nella lotta alla cultura dello scarto, dalla quale il Pontefice mette in guardia. “Ogni vita – ha spiegato la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni – è sacra, ogni persona è unica e irripetibile. E noi continueremo a batterci contro la deriva eutanasica ed eugenetica nella quale l’Italia e l’Europa stanno rischiando di scivolare. Una battaglia culturale e politica di importanza capitale, che ci vedrà sempre in prima linea perché tocca i principi fondanti della nostra civiltà e il futuro stesso della nostra Nazione e dell’Occidente”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.