Germania. Una donna muore per un attacco hacker a un ospedale

Un’ora di ritardo nelle cure per la chiusura del Pronto Soccorso.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:02
Fonte: ANSA

In un ospedale tedesco, sembrerebbe che un attacco hacker abbia provocato la morte di una donna, che, all’arrivo al pronto soccorso, non ha potuto essere ricoverata ed è, quindi, stata inviata in un’altra struttura.  Secondo quanto è stato riportato dal sito della rete Rtl, l’attacco è stato di tipo ‘ransomware’, ovvero i dati vengono cifrati da un virus e gli autori chiedono un riscatto per consegnare la chiave per decrittarli.

Il fatto

Come hanno spiegato le autorità sanitarie, il fatto è accaduto nella clinica dell’Università di Dusseldorf. Gli hacker sembra abbiano sfruttato un “punto debole” di un software commerciale non specificato. La scorsa settimana sono stati cifrati trenta server dell’ospedale, e di conseguenza diversi sistemi dell’ospedale sono saltati. La struttura ha deciso, dunque, di chiudere gli accessi al pronto soccorso e posporre gli interventi chirurgici. In una nota lasciata su uno dei server veniva richiesto il pagamento di un riscatto di circa 900mila euro in bitcoin all‘Università Heinrich Heine, affiliata all’ospedale, e non all’ospedale.

Un probabile errore?

La pulizia di Dusseldorf ha quindi  provveduto a contattare gli hacker per  informarli che avevano colpito l’ospedale e non l’università. Questi  hanno ritirato la richiesta di riscatto, fornendo la chiave per decrittare i dati prima di far perdere le loro tracce. Sembra che questo attacco sia probabilmente costato la vita a una donna, in quanto giunta in ospedale in gravi condizioni, è stata dirottata a Wuppertal, a circa 30 chilometri,  causando così un ritardo di un’ora nelle cure.

Le autorità hanno reso noto che: “Le indagini sono ancora in corso per stabilire se c’è un nesso tra la morte e l’attacco, che se provato potrebbe far cambiare il capo di imputazione per gli autori del gesto”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.