Gabrielli firma protocollo per sostegno donne durante denuncia

Sottoscritto un protocollo d'intesa per il progetto "Una stanza tutta per sé" volto ad incoraggiare le donne a denunciare le violenze subite

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:52
Il Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Prefetto Franco Gabrielli

Nella ricorrenza della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne il Capo della Polizia, Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Prefetto Franco Gabrielli e la presidente dell’Associazione “Soroptimist International” d’Italia Maria Coppola, hanno sottoscritto un protocollo d’intesa per la promozione del progetto “Una stanza tutta per sé” volto ad incoraggiare le donne a rivolgersi alle Forze dell’ordine nei casi di violenza subìta ed a sostenerle nel delicato momento della formalizzazione della denuncia.

Il progetto

Una stanza tutta per sé” è infatti una sala per le audizioni protette, predisposta sulla base di specifiche linee guida, che tende a ricreare un ambiente favorevole che possa aiutare la donna all’incontro con gli investigatori evitando il più possibile riflessi traumatici.

L’Associazione – si legge in un comunicato stampa – ha già realizzato ambienti di questo tipo presso diverse Questure italiane ed altri uffici delle Forze dell’ordine e oggi, insieme al Dipartimento della Pubblica Sicurezza, con questo protocollo si vuol dare uniformità negli allestimenti garantendo accorgimenti logistici che possano favorirne l’uso, come per esempio un accesso riservato che eviti il passaggio della vittima dagli uffici di polizia ed arredi che tendano a favorire il contatto e la comunicazione piuttosto che la distanza.

Minori

È auspicabile che la stanza venga utilizzata anche per le audizioni di minori, sebbene in questi casi siano necessari ulteriori accorgimenti ed arredi ed una oggettistica dedicati ai più piccoli. Il protocollo prevede anche la promozione di iniziative didattiche, formative e divulgative d’interesse comune.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.