Friuli: un tetto divelto da una tromba d’aria finisce su una casa

A Tarvisio un uomo è precipitato con la propria auto in un dirupo: per estrarlo dal veicolo sono intervenuti i tecnici del Soccorso alpino

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:53

Sono circa duecento gli interventi eseguiti nella notte dai Vigili del fuoco del Friuli Venezia Giulia a causa del nubifragio che si è abbattuto, a partire dalle 22, lungo un’ampia fascia tra le province di Pordenone e Udine (Codroipese e Cividalese), colpendo nuovamente in maniera molto violenta l’area di Azzano Decimo, che aveva subito gravi danni solo dieci giorni fa a causa di una grandinata con chicchi da record.

Volano i tetti

In città il tetto di un condominio di via Trieste è stato letteralmente spazzato via da una tromba d’aria finendo sulla casa attigua: non si registrano feriti. I due fabbricati sono inagibili: le famiglie interessate hanno trovato un alloggio di fortuna. In alcuni quartieri ci sono stati blackout che permangono attualmente. Gran parte delle coperture provvisorie che erano state installate per far fronte ai danni della tempesta hanno ceduto.

I pompieri e le squadre di Protezione civile comunale hanno lavorato per spostare alberi, cartelli e insegne stradali abbattute dal forte vento in decine di comuni del Fvg.

Uomo precipita in un dirupo

A Tarvisio, durante il fortunale, un uomo è precipitato con la propria auto in un dirupo: per estrarlo dal veicolo sono intervenuti anche i tecnici del Soccorso alpino. Anche a Gorizia e in provincia di Trieste violenti acquazzoni si sono abbattuti per tutta la notte e ora sul golfo soffia bora moderata.

Il bilancio complessivo delle richieste di intervento dei Vigili del fuoco è destinato a crescere: moltissime persone si sono accorte soltanto al risveglio di alberi caduti o pericolanti e stanno affollando i centralini del 112.

Nel video postato da Il Messaggero Veneto il tetto scoperchiato che ha costretto alcune famiglie ha trascorrere la notte in auto (Video Missinato).

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.