“Forza Italia non farà la riserva di Conte”

Mariastella Gelmini, capogruppo azzurra alla Camera: "Non siamo interessati a sostenere questo governo"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:55

“Noi non siamo assolutamente disponibili a fare la riserva di Conte, non siamo interessati a sostenere questo governo. Forza Italia non vuole in alcun modo rompere il centrodestra e va dato atto al presidente Silvio Berlusconi di essere colui che, anche nei momenti di difficoltà, con Matteo Salvini e Giorgia Meloni prova a mediare, perché riteniamo che la nostra coalizione sia un valore per questo Paese e rappresenti l’unica alternativa credibile all’esecutivo in carica”, dichiara a Sktg24 Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.

Scostamento

“Siamo, invece, pronti a dialogare sui provvedimenti, alla luce del sole- afferma la capogruppo di Forza Italia a Montecitorio-.Noi non ci rassegniamo al fatto che 80 miliardi di euro di scostamento vengano sciupati per l’incapacità della maggioranza di fare gol. Noi siamo drasticamente alternativi alla sinistra e al governo Conte, ma stando in Parlamento proviamo a migliorare i provvedimenti“.

Bilanciamenti

Anche nel fronte opposto si cerca di bilanciare le diverse spinte nella coalizione. Il segretario del movimento Unione Popolare Cristiana (Upc), Antonio Satta si rivolge al Pd: “Zingaretti alimenti il centrosinistra favorendo l’unità tra tutte le componenti della coalizione. Il centrosinistra ha la possibilità di battere la Lega e tutti i sovranisti solo se recupera il rapporto con i territori“. E, aggiunge Satta, “il Partito democratico può recuperare il suo rapporto con i territori solo se collabora in pieno con tutte le forze che animano i nostri comuni. Ci sono tante liste comunali e regionali che conoscono da vicino i problemi degli italiani”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.