Femminicidio, il vergognoso bilancio dell'Italia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:37

Quattro casi di femminicidio. È il bilancio della mattina in un'Italia segnata dai femminicidi dal nord al sud. Uno è avvenuto in Alto Adige, uno in Sardegna e ben tre in Sicilia: l'ultimo, in provinicia di Trapani, presenta il conto più salato, con uno donna massacrata di botte dal marito per tre giorni, fino al suo decesso. Nei quattro casi finora sotto i riflettori, i carnefici sono i compagni maschi delle donne.

Dal Nord al Sud

A Versciaco, in Alto-Adige, gli agenti hanno ritrovato il corpo senza vita di una donna pakistana. Dopo qualche ora, gli inquirenti hanno disposto il fermo per suo marito, 38 anni che, davanti alle contestazioni mossegli durante l'interrogatorio ed emerse a seguito delle testimonianze di amici e conoscenti, ha deciso di non parlare. Da allora, l'uomo è stato fermato: su di lui pesa l'accusa di omicidio pluriaggravato con un grave e concreto pericolo di fuga. Ad Alghero è stato risolto il caso della giovane donna scomparsa da dicembre, nei giorni seguenti un'operazione immobiliare. Il suo corpo è stato ritrovato dai Carabinieri in un'area residenziale lussuosa nei pressi del Resort Vista Blu, su indicazione del fidanzato di lei, che ora si trova in stato di fermo nel carcere di Bancali, a Sassari.N on voleva rassegnarsi a un amore finito, l'uomo di Mussumeli, in Sicilia, che ha sparato alla donna  con cui aveva avuto una relazione e alla figlia. L'omicida, in questo caso, ha utilizzato una pistola che aveva su porto d'armi sportivo.

I dati

Nel suo intervento all'anno giudiziario, il Procuratore generale Giovanni Salvi ha rilevato il dato stabile, seppure in leggero calo, degli omicidi nell'anno appena passato. Secondo Salvi, nel 2017 si sono registrati 131 femminicidi, 135 nel 2018 e 103 nel 2019. Il Primo presidente della Cassazione, Giovanni Mammone, ha invece rilevato come il Codice rosso, introdotto nel luglio dello scorso anno, abbia messo in campo nuove fattispecie di reato con l'obiettivo di scongiurare atti criminali fortemente lesivi della donna.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.