Fauci: “Omicron alla fine troverà tutti”

Il virologo della Casa Bianca lancia l'allarme per i non vaccinati che pagheranno un prezzo molto più alto rispetto a chi ha scelto di farsi inoculare il siero anti-Covid

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:30

Omicron, con il suo grado di trasmissibilità senza precedenti, alla fine troverà tutti. I vaccinati e coloro con la terza dose saranno esposti” al contagio e molti “saranno probabilmente infettati ma, molto probabilmente non finiranno in ospeddale e non moriranno“. E’ quanto ha dichiarato l’esperto americano in malattie infettive e consigliere della Casa Bianca per il Covid, Anthony Fauci, che ha poi sottolineato come i non vaccinati, invece, pagheranno un prezzo molto più alto.

La situazione Covid negli Usa

Negli Stati Uniti la pandemia ha raggiunto un picco impressionante. Le ospedalizzazioni hanno superato il precedente picco del 14 gennaio 2021: sono 145.982 i ricoverati secondo i dati forniti dal ministero della Salute, quasi il doppio di due settimane fa, con quasi 24 mila posti letti di terapia intensiva in uso. Sono in aumento anche i contagi che, nelle ultime settimane, sono stati 737.000 al giorno, superando anche in questo caso il dato dello scorso inverno.

La vaccinazione negli Usa

Negli Stati Uniti la vaccinazione contro il Covid-19, fino alla scorsa estate, aveva già salvato più di 240 mila vite, prevenuto oltre un milione di ricoveri ed evitato 14 milioni di casi di Covid. E’ quanto emerge da uno studio coordinato dalla Yale School of Public Health e pubblicato su Jama NetworkOpen.

Secondo lo studio, la campagna di vaccinazione partita a fine 2020 è arrivata giusto in tempo per attenuare l’ondata causata dalla variante Alfa, più aggressiva e trasmissibile del ceppo originario, che avrebbe avuto effetti pesantissimi raggiungendo un picco di oltre 4.400 morti e quasi 18.000 ricoveri giornalieri tra maro e aprile.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.