Fai: 9 luoghi per riscoprire la bellezza che ci circonda

Dalle Cinque Terre al Colle dell'Infinito, Giornata del Panorama del Fai

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:59
Fai

Torna, domenica 13 settembre, la Giornata del panorama del Fai. Un evento dedicato all’osservazione attenta e consapevole delle bellezze che ci circondano. Un momento tutto italiano che il Fondo Ambiente Italiano organizza dal 2014 nei suoi beni.

I luoghi da visitare con Fai

Villa Flecchia, sul crinale della Serra d’Ivrea, dove la vista corre sul’intero Biellese, da un lato, e sul lago di Viverone e sul Canavese, dall’altro (oltre che sulla collezione di dipinti del XIX secolo). Il Podere Case Lovara, nel cuore delle Cinque Terre, raggiungibile solo a piedi, tra ulivi, viti, alberi da frutto e orti. E poi la Villa dei Vescovi, raffinata dimora di inizio Cinquecento, intimamente legata al paesaggio dei Colli Euganei che si rilfette negli affreschi dei suoi ambienti, opera del fiammingo Lambert Sustris.

I luoghi di Giacomo Leopardi

Fino all’Orto sul Colle dell’Infinito, nella cui atmosfera silenziosa il Giacomo Leopardi ambientò la sua lirica più celebre; o la Baia di Ieranto, con i trekking alla scoperta di scorci mozzafiato sulla Penisola sorrentina.

“Guardarsi intorno”

Ampliata nella proposta e nella copertura geografica, questa 7/a edizione, in collaborazione con Fondazione Zegna, invita il pubblico a “guardarsi intorno” in 9 beni e 7 regioni, con un calendario ricco di incontri, visite guidate, attività all’aperto. Come la scoperta e il workshop fotografico al Bosco di San Francesco ad Assisi: 64 ettari di paesaggio umbro tra natura, storia e spiritualità, che l’incuria aveva reso discarica e il Fai ha recuperato.

Le alpi biellesi

C’è anche il tour in trenino alle Saline Conti Vecchi, le più longeve della Sardegna, fino a Porto San Pietro, dove un tempo attraccavano chiatte e rimorchiatori e dove ora stazionano cormorani, garzette e fenicotteri. Fino all‘Oasi Zegna a Trivero (BI), dove la musica “dialogherà” con il paesaggio delle Alpi Biellesi, con anche la mostra From Sheep to Shop e il laboratorio per tutta la famiglia Gli uomini che piantano gli alberi. Per info cliccare qui.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.