Ema: “Attenzione, siamo nella quarta ondata Covid. Ma il farmaco antivirale funziona”

Ema: "L'antivirale orale molnupiravir può ridurre la capacità del coronavirus di moltiplicarsi nel corpo, prevenendo l'ospedalizzazione o la morte dei malati"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:53
Il farmaco antivirale Molnupiravir già approvato nel Regno Unito

L’Agenzia europea del farmaco (EMA) lancia l’allarme quarta ondata dopo gli ultimi dati sulla pandemia in Europa e l’Organizzazione mondiale della sanità prevede che entro febbraio nel nostro Continente si potrebbero contare altri 500mila morti da Covid. Il direttore Oms per l’Europa Hans Kluge avverte: “Siamo di nuovo all’epicentro della pandemia. Rischiamo entro febbraio un altro mezzo milione di morti“.

Appello Ema: tutti si vaccinino

L’Agenzia europea per i medicinali afferma: “E’ di assoluta importanza che tutti si vaccinino, perché nessuno è protetto fino a quando tutti saranno protetti. Occorre seguire tutte le precauzioni con attenzione”.

Casi in crescita dovunque nel nostro continente

Intanto, i numeri peggiorano un po’ ovunque, Italia compresa, dice l’Ema, con alcune regioni che cominciano a destare forte preoccupazione. Nel nostro Paese in particolare, al calo settimanale delle vaccinazioni corrisponde un aumento non solo dei contagiati ma anche dei ricoverati, sia nei reparti ordinari sia in quelli di terapia intensiva.

Il farmaco antivirale funziona

Ancora non sono certi i tempi dell’approvazione da parte dell’Ema al farmaco anti-Covid, la pastiglia Molnupiravir di Merck, già autorizzata nel Regno Unito. In un post su Twitter Ema scrive in merito: “Antivirale orale molnupiravir: gli studi suggeriscono che questo trattamento COVID19 può ridurre la capacità del coronavirus di moltiplicarsi nel corpo, prevenendo così l’ospedalizzazione o la morte per Covid di pazienti”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.