Bild: Ema anticipa l’autorizzazione del vaccino Pfizer al 23 dicembre

L'EMA (l'agenzia dell'Unione europea per la valutazione dei medicinali) si riunirà il 21 dicembre per decidere sul vaccino Pfizer-BioNTech

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:38

L’EMA (l’agenzia dell’Unione europea per la valutazione dei medicinali) si riunirà il 21 dicembre per decidere sul vaccino Pfizer-BioNTech. L’agenzia ha anticipato la data della sua riunione dal 29 al 21 dicembre “dopo aver ricevuto nuovi dati” sul vaccino anti-coronavirus sviluppato e prodotto da Pfizer-BioNTech. “Il 21 dicembre è stata programmata una riunione straordinaria per arrivare ad una conclusione se possibile”, ha riferito l’Ema.

da ciò consegue che l’Ema sarebbe pronta ad accordare l’autorizzazione al vaccino anticovid Pfizer-BioNTech già il 23 dicembre. Lo scrive il quotidiano tedesco Bild on line citando fonti europee e del governo tedesco.

Anticipata l’autorizzazione

Secondo quanto apprende Ansa da fonti qualificate, dunque, l’approvazione del vaccino dovrebbe arrivare entro il 23 dicembre e non entro il 29 dicembre, come precedentemente previsto, e comunque non oltre tale data.

L’ottimismo del ministro della Salute tedesco

Il ministro della Salute tedesco Jens Spahn ha confermato la notizia anticipata da Bild. “Siamo ottimisti – ha scritto oggi – che si possa avere un’autorizzazione del vaccino in Europa il 23 dicembre. Una buona notizia per tutta l’Europa”.

Se venisse confermata la data del 23 dicembre, le vaccinazioni potrebbero iniziare in Germania subito dopo Natale. L’ipotetica data di partenza, scrive ancora Bild, potrebbe essere il 26 dicembre.

Von der Leyen: “Bene anticipo discussione su Pfizer-BionTech”

Una possibile conferma è arrivata dalla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, che su Twitter ha scritto: “Ogni giorno conta. Lavoriamo alla massima velocità per autorizzare i vaccini per il Covid 19. Accolgo le novità dell’Ema che anticipano l’incontro per discutere del vaccino Pfizer-BionTech prima di Natale. Probabile che i primi europei siano vaccinati prima della fine del 2020“.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.