Elezioni comunali 2020: oggi il nome dei sindaci in 67 comuni

Caramaschi ha vinto a Bolzano. Oggi si vota in altri 7 capoluoghi: Reggio Calabria, Matera, Lecco, Crotone, Chieti, Andria, Arezzo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:17

Affluenza in calo per le elezioni comunali 2020. Seggi aperti dalle 7 alle 15 di oggi, lunedì 5 ottobre, in 67 comuni. Oltre a Bolzano – dove si è votato solo ieri – sono sette i capoluoghi di provincia in cui si vota: Reggio Calabria, Matera, Lecco, Crotone, Chieti, Andria, Arezzo.

Affluenza in calo

E’ pari al 39,03% l’affluenza alle ore 23 per i ballottaggi. Al primo turno alla stessa ora l’affluenza era stata pari al 49,48%. Il dato, reso noto sul sito del Viminale, non comprende quello dei comuni nelle regioni a statuto speciale: Friuli-Venezia Giulia, Sicilia, Trentino-Alto Adige e Valle d’Aosta.

Bolzano

Nel ballottaggio a Bolzano, il primo cittadino uscente, Renzo Caramaschi – giunta Svp-centrosinistra – si è imposto nel ballottaggio con il 57,18% contro il candidato del centrodestra Roberto Zanin, che si è fermato al 42,82%.

“Sono molto contento, quasi il 57% è un risultato ottimale e posso dire di aver recuperato nei quartieri dove Zanin era molto forte – ha commentato Caramaschi -. E’ un successo della coalizione ma devo dire che mi ha reso felice la telefonata di Zanin che mi ha fatto mentre stavo vincendo. Il futuro? Proseguire su quello che stavamo facendo e quindi con la maggioranza che avevo in questi quattro anni e mezzo”.

M5S

Scontro a tutto campo nel Movimento 5 Stelle (M5S), con Davide Casaleggio. “In questi mesi ho ascoltato, osservato e riflettuto molto. Ora è arrivato il momento di prendere posizione – ha esordito Casaleggio junior sul blog pentastellato -. Se il movimento diventa partito tolgo il supporto dell’associazione Rousseau”. Messaggio rilanciato da Di Battista, ma accolto dal gelo dei leader M5S: “Post personale e arbitrario”, replica il Comitato di garanzia del Movimento.

I candidati sindaco nei capoluoghi di provincia

A sfidarsi in questa seconda tornata delle elezioni comunali a Reggio Calabria sono Giuseppe Falcomatà del centrosinistra e Antonino Minicuci del centrodestra.

Sfida tra il M5s e il centrodestra a Matera dove, per la carica di sindaco, corrono Rocco Luigi Sassone (centrodestra) e Domenico Bennardi (5 stelle).

A sfidarsi a Lecco in questa seconda tornata delle elezioni comunali sono Giuseppe Ciresa, candidato del centrodestra, e Mauro Gattinoni, sostenuto dalla coalizione di centrosinistra.

A sfidarsi a Crotone sono il candidato del centrodestra Antonio Manica e Vincenzo Voce, sostenuto da una coalizione di liste civiche. Alle elezioni del 20 e 21 settembre, Antonio Manica ha ricevuto il 41,6% dei consensi mentre Voce ha conquistato, al primo turno, il 36,22% dei voti.

Ad Arezzo, per le elezioni comunali, si sfidano al ballottaggio l’uscente Alessandro Ghinelli del centrodestra e Luciano Ralli del centrosinistra. Nella prima tornata elettorale, del 20 e 21 settembre, l’uscente Alessandro Ghinelli del centrodestra ha raccolto il 47% dei voti, mente Ralli del centrosinistra si è fermato al 35,1%. L’affluenza è stata del 66,96%.

Andria è arrivata al voto dopo il traghettamento del commissario Gaetano Tufariello in seguito alle dimissioni del sindaco Nicola Giorgino nell’aprile del 2019. Al primo turno la candidata più votata è stata Giovanna Bruno del centrosinistra, che aveva ottenuto il 38,1% delle preferenze. Insieme a lei, ha conquistato il ballottaggio Michele Coratella del M5S, che col 20,74% dei voti

Sicilia

In Sicilia primo turno elettorale in 60 comuni, compresi due capoluoghi: Agrigento ed Enna. I comuni interessati alla tornata amministrativa dovevano essere 61 ma Tremestieri etneo è stato escluso dal voto a causa di illeciti penali rilevati dalla magistratura nella raccolta e autenticazione delle firme. La nuova data delle elezioni potrebbe essere decisa nelle prossime ore dal presidente della Regione Nello Musumeci.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.