Elezioni amministrative 2022, i risultati definitivi. Genova, Palermo e L’Aquila al centrodestra

Sindaci di centrodestra a Genova, Palermo e L'Aquila già al primo turno. Sono 13 i ballottaggi nelle 26 città capoluogo al voto: in vantaggio in 6 casi il centrodestra e in 7 il centrosinistra

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:01
Election day referendum

Sono arrivati nel corso delle prime ore della mattinata i risultati definitivi delle elezioni amministrative votate domenica 12 giugno. In tutto, sono stati rinnovati 978 comuni, con 4 capoluoghi di Regione (Catanzaro, Palermo, Genova e L’Aquila) e 22 capoluoghi di Provincia (quattro dei quali, Barletta, Taranto, Messina e Viterbo, commissariati).

L’affluenza alle urne è stata del 54,72%, secondo i dati definitivi relativi agli 818 comuni gestiti dal Viminale. Alle precedenti elezioni omologhe era stata del 60,12%. Hanno dunque votato il 5,4% in meno rispetto alle scorse votazioni degli aventi diritto, 9 milioni di italiani chiamati a rinnovare le proprie amministrazioni comunali.

I risultati: al centrodestra a Genova, Palermo e L’Aquila, 13 i ballottaggi

Sindaci di centrodestra a Genova, Palermo e L’Aquila già al primo turno. Ballottaggi a Verona (Tommasi-Sboarina) e Parma con il centrosinistra in vantaggio e a Catanzaro con avanti il centrodestra.

Sono 13 i ballottaggi nelle 26 città capoluogo al voto (in vantaggio in 6 casi il centrodestra e in 7 il centrosinistra), 9 i candidati di centrodestra eletti o vicini all’elezione al primo turno, 4 quelli di centrosinistra.

Cambiano colore: Belluno (da civica al centrodestra), Lodi e Taranto (dal centrodestra al centrosinistra). Il Pd è la lista più votata con il 17,2%, davanti a Fratelli d’Italia al 10,3%, che supera la Lega ferma al 6,7% e Forza Italia al 4,6%. Spicca in negativo il dato del M5s, che raccoglie solo il 2,1%.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.