Eitan: mandato di cattura internazionale per nonno Peleg

Due mandati di cattura internazionali, chiesti dalla procura di Pavia, sono stati emessi nei confronti del nonno materno del piccolo Eitan, Shmuel Peleg, e dell'autista del nonno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:56
Il nono di Eitan, Shmuel Peleg

Due mandati di cattura internazionali, chiesti dalla procura di Pavia, sono stati emessi nei confronti del nonno materno del piccolo Eitan, Shmuel Peleg, e dell’uomo di 50 anni, G. A. B., israeliano, che era alla guida della macchina con cui il bambino fu portato a Lugano per essere imbarcato su un aereo privato con destinazione Tel Aviv. Lo scrivono oggi Il Corriere della Sera e La provincia pavese. Il bimbo di 6 anni rimasto orfano nell’incidente del Mottarone e affidato alle cure della zia paterna Aya Biran, è al centro di una contesa tra due rami familiari.

Come scrive il Corriere della Sera, l’ordinanza di custodia cautelare firmata dal giudice per le indagini preliminari e trasmessa alla Procura di Milano viaggerà verso Israele, dove un giudice ha restituito il bimbo alla zia paterna, e verso tutta l’Ue. Secondo gli investigatori, l’azione dei due è stata compiuta con “tecniche paramilitari e di intelligence”.

La ricostruzione della vicenda di Eitan

Gli inquirenti hanno così ricostruito la vicenda. L’11 settembre Shmuel Peleg, tenente colonnello in pensione dell’esercito israeliano e consulente di una società di telecomunicazioni, intorno alle 11:30 porta via il bambino dalla casa di Travacò Siccomario (in provincia di Pavia) in cui viveva con la famiglia della zia Aya, alla quale era stato affidato dopo la tragedia della funivia, in cui Eitan perse i genitori, il fratello e i bisnonni. In quel caso l’incontro tra nonno materno e nipote era autorizzato, ma ad agosto il giudice aveva vietato che Eitan potesse essere portato fuori dall’Italia senza il consenso di Aya, obbligando anche il nonno a riconsegnare il passaporto israeliano del nipote, che ha doppia nazionalità.

Alle 11:26 Peleg fa salire Eitan su una Golf che ha noleggiato il giorno prima all’aeroporto di Malpensa e in cui si trova anche l’autista Alon. A quel punto inizia il viaggio per la Svizzera. Arrivati al confine di Chiasso non subiscono controlli. Il divieto di espatrio era stato sì diramato, ma agli svizzeri non risultava “visibile” a causa di un problema tecnico.

I due vengono poi fermati intorno alle 14:10 dalla polizia cantonale elvetica vicino all’aeroporto Lugano-Agno, ma li fanno proseguire. Via libera anche in aeroporto. I tre si imbarcano su un Cessna 680 della società tedesca Aronwest proveniente da Hannover noleggiato per 42mila euro che alle 15:00 decolla per Tel Aviv e proseguirà per Cipro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.