Catturato a Dubai il super boss italiano della droga

Raffaele Imperiale è stato arrestato negli Emirati Arabi Uniti. Nel 2017 nella casa dei suoi genitori vennero ritrovati due tele di Van Gogh

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:00

Raffaele Imperiale, uno dei latitanti più pericolosi impegnati nel traffico internazionale di stupefacenti e nel riciclaggio di denaro, è stato arrestato a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti. Imperiale è il numero 2 della lista ricercati italiani, secondo solo a Messina Denaro.

Nato a Castellammare nel 1974, Imperiale ha costruito un’ampia rete per il traffico della cocaina stringendo rapporti con la criminalità partenopea. Fra le sue conoscenze elementi del clan camorristico dei Di Lauro.

L’arresto di Imperiale – scrive Repubblica – sarebbe un colpo di massimo livello alla gestione dell’importazione di cocaina dal Sud America all’Europa gestito da un super cartello, ma anche per le caratteristiche del boss camorrista celebre per il suo stile di vita di lussuoso. Con il notevole patrimonio accumulato grazie alle attività illegali, Imperiale aveva acquistato due dipinti di Van Gogh rubati.

I Van Gogh rubati

Le due tele erano scomparse dall’omonimo museo nel 2002. I dipinti del famosissimo pittore olandese – dal valore di 100 milioni di dollari – furono il ricco bottino di un furto avvenuto ad Amsterdam diciotto anni fa; per poi arrivare al ras del narcotraffico, Raffaele Imperiale, che le teneva nascoste all’interno dell’abitazione dei genitori a Castellammare di Stabia. Vennero ritrovate nel 2017 durante un’operazione del Nucleo di Polizia Tributaria di Napoli, nell’ambito delle indagini condotte dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.