Droga: smantellato il fortino mafioso delle case popolari di Siracusa

Rimossi portoni blindati e cancelli in ferro posizionati per presidiare il luogo dello spaccio in un condominio in via Italia di Siracusa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:24

Portoni blindati e cancelli in ferro posizionati per presidiare il luogo dello spaccio in un condominio in via Italia, zona nord di Siracusa, sono stati rimossi su provvedimento emesso dalla Procura di Siracusa.

Gli agenti della squadra mobile hanno eseguito il decreto di sequestro preventivo firmato dal procuratore aggiunto Fabio Scavone e dal sostituto procuratore Gaetano Bono e con l’aiuto dei vigili del fuoco hanno tolto le strutture in metallo che chiudevano in maniera abusiva un accesso condominiale dei complessi di edilizia popolare.

Gli arresti e le dosi

Nell’ambito dell’operazione, effettuata con il personale delle volanti e del nucleo cinofili della Questura di Catania, sono stati arrestati Concetto Genovese, 41 anni e Gianluca Abate, 42, colti in flagranza di detenzione ai fini di spaccio di marijuana, cocaina, hascisc e denaro probabile frutto dell’attività illecita. I due, sorpresi a spacciare, sono fuggiti salendo le scale, ma sono stati bloccati sul terrazzo del condominio.

Nell’androne da dove erano fuggiti i poliziotti hanno trovato 47 dosi di cocaina per 14 grammi, 36 dosi di hashish per grammi 22 e 12 dosi di marijuana per 6 grammi oltre a circa 1150 euro, e materiale per il confezionamento.

Già in precedenza ed in più occasioni, manufatti posti a presidio delle piazze di spaccio, sono stati rimossi dopo i provvedimenti di sequestro preventivo emessi dalla Procura di Siracusa, ma poi altri portoni, grate e cancelli abusivi che limitano l’accesso alle scale condominiali, agevolando l’attività di spaccio, sono stati installati nuovamente.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.