Droga: blitz Carabinieri , 11 arresti ai Castelli Romani

Linguaggio in codice e "consegna volante" tra gli spacciatori e i loro clienti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:54
Droga sequestrata

I carabinieri di Velletri – insieme ai colleghi del gruppo di Frascati, a quelli del nucleo carabinieri cinofili di Santa Maria di Galeria e a quelli del nucleo elicotteri Pratica di Mare – sono riusciti ad arrestare in flagranza di reato undici persone e a recuperare 400 grammi di droga complessivi.

Un’indagine partita ad aprile 2019

Undici gli indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo, di detenzione e spaccio di droga, che hanno ricevuto un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip di Velletri, dai carabinieri della Compagnia di Velletri. L’indagine, da parte dei militari, era partita già lo scorso aprile ed ha permesso di ricostruire l’organigramma e l’attività svolta da un gruppo criminale dedito allo spaccio di droga concentrato tra Velletri, Genzano e Nemi, ai Castelli Romani.

Un linguaggio in codice tra spacciatori e assuntori

Gli spacciatori, volendo passare inosservati, avevano adottato una serie di precauzioni: con gli assuntori comunicavano, così, tramite un codice cifrato (la droga veniva definita “caffe'”, “aperitivo”, “bacetto”, “pizza”, “fiori per la fidanzata”, “camicia”) ed utilizzavano mezzi di “consegna volante”. Lo stupefacente veniva consegnato in orari e luoghi sempre differenti, di volta in volta concordati con i singoli “clienti” e sono stati documentati circa 60 episodi giornalieri di spaccio di cocaina, per un volume di affari del sodalizio che oscillava tra i 2 mila e 500 ed i 3 mila euro quotidiani. Inoltre, sono stati inoltre sequestrati 12 mila euro in contanti, provento dello spaccio e 87 acquirenti sono stati segnalati alla prefettura di Roma.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.