La dichiarazione di Mattarella per la Giornata Nazionale per la Salute della Donna

Mattarella: "Anche nella tutela della salute si sono manifestate differenze di genere: le patologie che colpiscono le donne sono tra quelle per cui lo screening e la diagnosi precoce risultano ancor più essenziali"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:35
Sergio Mattarella (Fonte: Quirinale)

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha rilasciato la seguente dichiarazione in occasione della Giornata nazionale per la salute della donna.

La dichiarazione di Mattarella

La Giornata nazionale per la salute della donna richiama l’attenzione sulla specificità di una condizione, tappa significativa di quel processo di personalizzazione della tutela della salute che realizza la pienezza del relativo diritto costituzionalmente garantito, e costituisce un passo importante verso una società attenta all’uguaglianza e autenticamente inclusiva.

L’emergenza pandemica, impegnando in maniera eccezionale il nostro sistema sanitario, ha messo a dura prova la gestione ordinaria di diverse patologie, soprattutto quelle che richiedono interventi di prevenzione. È un tema che per le donne ha assunto sempre maggiore importanza, privando, in molti casi, la persona di prospettive di cura efficaci nei tempi appropriati.

Anche nella tutela della salute si sono manifestate differenze di genere: la storia degli studi clinici testimonia uno scarso coinvolgimento delle donne nella fase di sperimentazione, con effetti sui risultati, mentre le patologie che colpiscono le donne sono tra quelle per cui lo screening e la diagnosi precoce risultano ancor più essenziali.

Di valore sono quindi iniziative come il “Piano per l’applicazione e la diffusione della medicina di genere sul territorio nazionale”, adottato dal Ministero della Salute, per la tutela di un bene proprio all’intera collettività.

Le iniziative per la Giornata nazionale della salute della donna

Il 22 aprile si celebra in Italia la Giornata nazionale della salute della donna, istituita e promossa su iniziativa del Ministero della Salute e della Fondazione Atena Onlus.

La Giornata, giunta quest’anno alla settima edizione,  è un’occasione per porre al centro dell’attenzione i temi legati alla salute della donna e alla sua tutela, dalla promozione di comportamenti sani e dalla prevenzione, all’accesso alle cure sul territorio, alla sensibilizzazione sull’importanza di prendersi cura della propria salute in ogni età della vita.

In occasione di questa ricorrenza sul territorio nazionale si svolgono iniziative di sensibilizzazione e prevenzione organizzate da enti, associazioni, fondazioni, società scientifiche, Irccs, etc. che si occupano di promozione della salute della donna.

Tra gli eventi in programma:

  • Fiume in rosainiziativa promossa dalla Fondazione Atena Onlus, che si terrà sabato 30 aprile in 27 città d’Italia. Una regata non agonistica di imbarcazioni con a bordo sia donne operate al seno che usano il canottaggio come riabilitazione che atlete provenienti dai circoli sportivi di tutta Italia.
  • La Tavola Rotonda “La salute della donna: politiche per il futuro” che si terrà il 22 aprile presso il Centro Studi Americani, promossa dall’associazione Pre.zio.sa. Onlus. Donne del mondo istituzionale, sanitario, si confronteranno sul tema delle politiche per la salute della donna per il futuro.
  • H Open week sulla salute della donna, iniziativa promossa da Fondazione Onda – Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. Dal 20 al 26 aprile, attraverso i 270 ospedali con i Bollini Rosa che hanno aderito all’iniziativa, saranno offerti gratuitamente alle donne servizi clinici, diagnostici e informativi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.