Di Maio atterrato a Tripoli. Kamikaze in moto si fa esplodere a un check-point

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio è atterrato alle 9:55 a Tripoli. Incontrerà il capo del governo di accordo nazionale, Fayez al-Sarraj

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:34
Luigi di Maio e Fayez al-Sarraj (immagine di repertorio)

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio è atterrato stamattina alle 9:55 (ora locale) a Tripoli. Il ministro – scrive Ansa – incontrerà in giornata il capo del governo di accordo nazionale, Fayez al-Sarraj, il presidente del parlamento di Tobruk, Aguila Saleh, il presidente della Noc (compagnia petrolifera nazionale) Mustafa Sanalla e il presidente dell’Alto Consiglio di Stato, Khaled Al-Meshri.

Di Maio é accompagnato dal sottosegretario Di Stefano, delegato dal ministro a lavorare per istituire una commissione mista Italo-libica per le questioni economiche.

Il viaggio in Libia

Il 17 agosto scorso Di Maio era stato in Tunisia. Motivo della visita in Libia la delicata situazione nazionale tra le varie fazioni, il tema immigrazione e sbarchi e il recente accordo Sarraj-Saleh per un cessate il fuoco siglato lo scorso 21 agosto.

Nel piano di Di Maio c’è anche la ripresa dei vecchi accordi siglati da Silvio Berlusconi, con l’obiettivo di dare nuovo impulso agli investimenti italiani in Libia e offrire nuove opportunità di crescita alle nostre imprese e al popolo libico.

Kamikaze in moto si fa esplodere a Tripoli

Un kamikaze a bordo di una moto si è fatto esplodere questa mattina nella zona occidentale di Tripoli, all’incrocio di Buabah al Giran, nei pressi di un check-point delle Forze di Sicurezza. Lo riferisce Afrigatenews su Twitter, aggiungendo che non si hanno notizie al momento di vittime.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.