Sassari, detenuto tenta di fuggire dall’ospedale

La chiusura degli istituti psichiatrici giudiziari italiani e la situazione delle carceri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:34

Un detenuto del carcere di Bancali, ieri pomeriggio, ha tentato di scappare dalla finestra dell’ambulatorio dell’ospedale di Sassari dopo una visita. Ma il suo salto è stato bloccato da tre agenti della polizia penitenziaria, che hanno così sventato l’evasione.

Il tentativo di fuga bloccato da Sassari

A darne notizia è il segretario regionale dell’Osapp Sardegna, Roberto Melis: “Il detenuto si trova in ospedale per una visita psichiatrica – riferisce Melis -. Una volta effettuata la consulenza, all’atto dei preparativi per il rientro in istituto il detenuto con un balzo verso la finestra tentava la fuga. Tentativo reso vano dalla professionalità degli agenti, i quali nel bloccare il detenuto si sono provocati diversi traumi ed escoriazioni”. Predisposta per il detenuto a una nuova visita psichiatrica e l’immediato ricovero in reparto.

Istituti psichiatrici giudiziari e carceri

“Purtroppo la chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari ha riversato molti detenuti psichiatrici nelle nostre carceri ed il tutto fatto frettolosamente senza un vero e proprio progetto alternativo di custodia sanitaria”, afferma il segretario regionale aggiunto della Cisl Fns Giovanni Villa in un in’intervista per il Cagliaripad.

“Infatti le Rems (Residenza Esecutiva Misure di Sicurezza, ndr) a disposizione sono insufficienti. Abbiamo denunciato questa scelta autolesionista ma a quanto pare a qualcuno piace farsi male – prosegue Villa – e conseguentemente fare del male a noi. Bisogna assolutamente porvi rimedio. Questa è una problematica che non deve avere altri ritardi, è da risolvere subito o sarà sempre peggio”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.