Ddl Concorrenza, ecco le novità contenute nella bozza

Sono previsti nuovi criteri per la nomina dei dirigenti ospedalieri e nuove regole per i servizi di Rc auto e telefonia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:02

Approderà oggi pomeriggio sul tavolo del Consiglio dei Ministri la bozza del Ddl Concorrenza che, con i suoi trentadue articoli, andrà a lambire molti temi al fine di favorire la libera concorrenza e l’ingresso nel mercato.

Le concessioni idroelettriche

La bozza del testo sancisce che le concessioni idroelettriche torneranno allo Stato solo in quelle Regioni in ritardo, dunque considerate carenti nella gestione e, in relazione a ciò, potrebbe esserci un’accelerazione dei tempi entro cui le Regioni devono indire le gare.

Le nomine dei primari

Al fine di ridurre i poteri discrezionali nella nomina dei dirigenti ospedalieri, la bozza del Ddl interviene sui principi a cui devono attenersi le regioni per le procedure miranti conferimento degli incarichi dirigenziali. In particolare, è previsto che la commissione esaminatrice non presenti più al direttore generale una rosa di nomi ma rediga una specifica graduatoria.

Telefonia e Rc auto

Nella bozza si legge che è vietato agli operatori dei servizi telefonici e di comunicazioni attivare, senza il previo consenso espresso e documentato del consumatore o dell’utente, servizi in abbonamento da parte degli stessi operatori o di terzi. Per quanto concerne le Rc auto invece si applicheranno le disposizioni relative al risarcimento diretto anche alle imprese di assicurazioni che operano in Italia ma hanno sede in altri stati.

Il nodo degli stabilimenti balneari

La bozza del Ddl in oggetto non prevede per ora interventi immediati sulle concessioni per gli stabilimenti balneari e sulle relative spiagge, si è giunti però alla decisione di procedere con una mappatura delle concessioni attualmente in essere.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.