Covid, varianti e vaccini: cosa sta succedendo negli Usa

La nuova variante Omicron spaventa gli Usa: allo studio diverse ipotesi per evitare l'impennata dei contagi. Ma ecco cosa ha deciso un giudice

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:28

Una nuova variante di Coronavirus sta spaventando tutto il mondo: si chiama Omicron, è stata individuata per la prima volta in Sudafrica dove ha causato un boom di contagi in pochissimo tempo. Altrettanto velocemente si è diffusa in Europa, i primi casi sono stati accertati in Belgio, Germania e anche in Italia. Una variante che presenta un numero molto elevato di mutazioni sulla proteina spike, finora mai visto almeno per la pandemia attualmente in corso. Ma il rischio presunto – molti scienziati in Italia hanno spiegato che serviranno almeno un paio di settimane per avere dei dati certi – riguarda i vaccini: riusciranno a proteggerci dalla nuova variante? 

Cosa sta accadendo negli Usa

Nel frattempo, ha destato stupore la decisione di un giudice americano che deciso di bloccare l’obbligo vaccinale per gli operatori sanitari in tutti gli stati americani. L’obbligo era stato imposto dal presidente Joe Biden e sarebbe dovuto scattare a partire dalla prossima settimana. L’ingiunzione del giudice Terry Doughty espande l’ordine emanato lunedì da una corte federale del Missouri, che riguardava inizialmente solo dieci stati a stelle e strisce.

Verso la stretta sui viaggi

Ma la paura per la diffusione della variante Omicron esiste anche negli Usa. Proprio a causa di questi timori, ossia alla possibilità di un’impennata di contagi e lo spauracchio di un nuovo lockdown, gli Stati Uniti si apprestano a una stretta sui viaggi. Lo riporta il Washington Post, citando alcune fonti, secondo le quali l’amministrazione Usa si appresta a richiedere a tutti i viaggiatori in ingresso, inclusi gli americani, di effettuare il test per il coronavirus un giorno prima del volo a prescindere dalla vaccinazione. Fra le ipotesi, allo studio un’auto-quarantena di sette giorni per tutti coloro che entrano nel Paese, inclusi i cittadini americani.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.