Covid, record di vittime. In aumento i nuovi contagi

Mai così tante vittime da aprile 2021. L'Ema suggerisce una quarta dose di vaccino per chi ha il sistema immunitario fortemente indebolito

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:54

Destano preoccupazione i dati riguardanti l’andamento dell’epidemia in Italia forniti dal Ministero della Salute che ha diffuso il bollettino quotidiano.

I dati

Sono 228.179 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, in forte aumento rispetto a ieri quando erano 83.403. Le vittime sono 434, ieri erano state 287. Nell’arco di un giorno sono stati processati 1.418.349 tamponi molecolari e antigenici (ieri 541.298). Il tasso di positività è al 15,4%, esattamente come ieri. Sono 1.715 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 2 in meno nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 150. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 19.448.

Mai così tante vittime da aprile 2021

Era dal 14 aprile aprile 2021 che non si registravano così tante vittime: furono 469 e due giorni dopo 429. Gli oltre 228 mila nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore rappresentano, invece, il record nella quarta ondata. Secondo i dati del bollettino del Ministero della Salute, in Italia, sono 2.562.156 gli attualmente positivi al Covid. Dall’inizio della pandemia i casi totali sono 9.018.425, mentre i decessi sono 141.825. I dimessi e i guariti sono 6.314.444.

Ema: ragionevole quarta dose in soggetti fragili

Nel frattempo, l’Ema – l’Agenzia europea per i medicinali – afferma che sia del tutto ragionevole ipotizzare “una quarta dose di vaccino nelle persone con il sistema immunitario gravemente indebolito, che hanno già ricevuto 3 dosi per la vaccinazione primaria”.  Contro il Covid, afferma Marco Cavaleri, capo strategia vaccinale dell’Ema, “potrebbe essere desiderabile sincronizzare le vaccinazioni con l’arrivo della stagione fredda in modo simile a quanto fatto per l’influenza in modo da aumentare la risposta anticorpale proprio nel momento in cui è maggiormente necessario”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.