Covid, Mattarella scrive a un’operatrice Itis di Trieste

Il Presidente Mattarella ha risposto con una lettera a una giovane operatrice lodandone la "dedizione e l'importante legame che si crea sul piano umano con le persone assistite"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:55
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella (Copyright: Quirinale)

Il 28 marzo, durante la visita all’Itis di Trieste, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ricevette dal presidente dell’Istituto, Aldo Pahor, la stampa del post che una giovane operatrice socio-sanitaria aveva pubblicato su Facebook per far conoscere a tutti la fatica, ma anche l’orgoglio, del prendersi cura di persone anziane e nel doverle accompagnare, spesso, verso la morte in tempo di Covid.

Il messaggio di Mattarella

Rientrato a Roma, il Presidente Mattarella ha risposto con una lettera alla giovane operatrice, lodandone “dedizione e l’importante legame che si crea sul piano umano con le persone assistite”, come scrive il quotidiano Il Piccolo in edicola stamani.

Giusy Consagra, siciliana, Oss all’Itis che è anche casa di riposo, pubblicò il post il 26 marzo 2020 scrivendo che, giunta dal Sud con altre ambizioni, trovandosi nella difficile situazione di tanti anziani vittime della pandemia, vi si era dedicata. “In quel che ho fatto, ho sempre messo tutto il mio cuore e continuerò a farlo”, aveva scritto. Il presidente dell’Itis Pahor aveva letto il post, ringraziando la giovane.

Poi, ha raccontato al Piccolo, si era chiesto come valorizzare quel messaggio e, in occasione della visita, lo consegnò al Presidente che ha voluto elogiare la giovane. “Quanto lei ha scritto, in quel 26 marzo del 2020, esprime al meglio il valore del prezioso compito degli operatori che si occupano degli anziani”, ha scritto Mattarella.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.