Covid, in salita la curva epidemica. Rezza: “Il virus circola ancora”

I dati del bollettino del Ministero della Salute. Il tasso di positività è al 15,5%. Le vittime dall'inizio della pandemia sono 157.607

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:48
Covid
Db Milano 26/03/2021 - prevenzione diffusione Coronavirus / foto Daniele Buffa/Image nella foto: vaccinazione anti-Covid 19 Drive Through

Continua a salire la curva epidemica in Italia. Sono 76.250 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, ieri erano stati 79.895. Le vittime sono invece 165, ieri erano state 128. Sono questi i dati che emergono dal bollettino diffuso il 18 marzo dal Ministero della salute.

I dati del bollettino

Sono 1.120.221 le persone attualmente positive al Covid, con un aumento di 32.004 nelle ultime 24 ore. In totale sono 13.724.411 gli italiani che hanno contratto il virus dall’inizio della pandemia, mentre le vittime salgono a 157.607. i dimessi e i guariti sono 12.446.583, con un incremento di 46.408 rispetto a ieri.

Sono 490.883 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 529.882. Il tasso di positività è al 15,5%, in aumento rispetto al 15,1% di ieri. Sono invece 474 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 1 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 47. I ricoverati nei reparti ordinari sono 8.403 (8.397), ovvero 6 in più rispetto a ieri.

Trend in risalita

“Anche questa settimana i dati relativi al Covid-19 in Italia mostrano una tendenza alla risalita” e “data l’elevata circolazione del virus, e la crescita nel tasso di incidenza, è bene continuare a mantenere comportamenti ispirati alla prudenza”. Lo afferma il direttore Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, commentando i dati del monitoraggio settimanale Iss-ministero.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.