Covid in Brasile, Msf: “Catastrofe umanitaria e peggiorerà ancora”

La denuncia di un'infermiera che ha raccontato che nel suo ospedale sono stati intubati dei pazienti da svegli per la carenza di sedativi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:56
Chiesa

“In più di un anno di questa pandemia, la risposta mancata in Brasile ha causato una catastrofe umanitaria. Ogni settimana c’è un nuovo record di morti e infezioni. Gli ospedali sono sopraffatti, e tuttavia la risposta centralizzata coordinata è ancora scarsa”. Lo ha dichiarato Christos Christou, presidente Internazionale di Medici Senza Frontiere, durante una conferenza stampa virtuale sulla situazione della pandemia del coronavirus nel Paese sudamericano.

Le accuse nei confronti delle autorità brasiliane

“La negligenza delle autorità brasiliane costa vite umane. Gli operatori sanitari sono fisicamente, mentalmente ed emotivamente esausti e nonostante il loro impegno assoluto nei confronti dei loro pazienti, nonostante le loro capacità e professionalità, sono stati lasciati soli a raccogliere i pezzi di una risposta governativa fallita e ad improvvisare soluzioni”, ha sottolineato Christou.

“Le misure che abbiamo visto funzionare in altri contesti, come la limitazione dei movimenti e delle attività, l’uso delle mascherine, la promozione del distanziamento fisico e l’aumento delle misure di igiene non sono implementate in questo momento in Brasile. Le strutture mediche stanno esaurendo le forniture mediche essenziali e altro materiale necessario per salvare vite umane. Ci sono carenze di ossigeno, dispositivi medici e farmaci usati per intubare pazienti critici e dispositivi di protezione individuale, mentre è previsto un peggioramento dello scenario per le prossime settimane e mesi”, ha aggiunto.

L’allarme da Rio de Janeiro

Nel frattempo, una scioccante notizia arriva da Rio de Janeiro. Come riporta il Corriere della Sera i medici nella città carioca stanno fronteggiando un’improvvisa carenza di sedativi. Un’infermiera dell’ospedale Albert Schweitzer di Realengo, nella zona orientale di Rio, ha raccontato al sito Globo.com che alcuni pazienti con Covid, in gravi condizioni, sono stati intubati da svegli e con le mani legate al letto a causa della mancanza di sedativi. Un’infermiera in servizio in un altro ospedale della capitale carioca, il Sao José, ha confermato che alcuni dei 125 pazienti Covid sono morti a causa della mancanza di sedativi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.