Covid, il bollettino: oltre 10 mila casi, 373 le vittime

Una ricerca rivela come sarebbe possibile recuperare l'olfatto nei pazienti che lo hanno perso a causa del Covid-19

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:24

Sono 10.404 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 8.444. Sono invece 373 le vittime in un giorno (ieri 301).

Scende il tasso di positività

Sono 302.734 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri i test erano stati 145.819. Il tasso di positività è del 3,4% (-2,4% rispetto a ieri).

I ricoveri

Sono 2.748 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per Covid in Italia, in calo di 101 unità rispetto a ieri nel saldo giornaliero tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono stati 177 (ieri 132). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 20.312 persone, in calo di 323 rispetto a ieri.

Recuperare l’olfatto è possibile?

La perdita di olfatto è uno dei sintomi che caratterizzano la malattia del Covid-19. In diversi casi il disturbo permane a lungo termine. Uno studio della University of East Anglia pubblicato su International Forum of Allergy & Rhinolgynon spiega che per trattarlo sono raccomandati i corticosteroidi, una classe di farmaci utili a ridurre l’infiammazione nell’organismo. Molto utile è anche un allenamento che prevede l’annusare almeno quattro diversi odori due volte al giorno per diversi mesi.

Lo studio

Il team ha effettuato una revisione sistematica per vedere se i corticosteroidi potessero aiutare le persone a ritrovare il senso dell’olfatto. “Abbiamo scoperto – aggiunge Philpott – che ci sono pochissime prove che questi farmaci aiutino“. Un possibile utilizzo di quelli per via orale potrebbe essere legato a evitare fattori confondenti, come la sinusite cronica, ma è una valutazione più di tipo diagnostico.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.