Covid, bollettino: 62.231 nuovi contagi e 269 morti

Gli ultracinquantenni "No vax" sono 1.404.960, 100mila in meno rispetto alla precedente rilevazione. Tra 5-11 anni copertura al 21,5%

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:30

Nelle ultime 24 ore ci sono stati 62.231 nuovi contagi da Covid su 587.645 tamponi e sono morte altre 269 persone. Sono gli ultimi dati del ministero della Salute, secondo cui il tasso di positività è pari al 10,6%, in lieve aumento rispetto al 10,1% di venerdì. I ricoveri in terapia intensiva sono 1.223, cioè 42 in meno, mentre quelli negli altri reparti sono 16.310, 514 in meno rispetto a venerdì. Si contano inoltre altri 117mila guariti.

La Regione con il maggior numero di casi è il Lazio, con 7.114 contagiati su 62.631 test, seguita dalla Lombardia con 6.516 nuovi casi su 84.039 tamponi, e dalla Campania: 6.257 nuovi malati su 51.071 test.

5,3 milioni di italiani non vaccinati. 1,4 milioni over 50

Sono 5. 339.679 gli italiani al di sopra dei 5 anni ancora senza prima dose di vaccino anti Covid: una settimana fa erano 5,8 milioni. Gli ultracinquantenni “No vax” sono 1.404.960, 100mila in meno rispetto alla precedente rilevazione. I dati emergono dall’ultimo bollettino emesso dalla struttura del commissario all’emergenza Francesco Figliuolo.

È la fascia pediatrica (5-11 anni) quella che ha il maggior numero di persone senza iniezione (1.796.090, la metà del totale di questa classe d’età); segue la fascia 40-49 anni (873.476, poco meno del 10%). Tra i non vaccinati c’è anche la quota di chi è esentato per problemi di salute.

Iss: tra 5-11 anni copertura al 21,5%

Nella fascia 5-11 anni, in cui la vaccinazione è iniziata il 16 dicembre 2021, al 9 febbraio 2022 si registra una copertura con una dose pari a 13,8% e con due dosi pari a 21,5%. Lo evidenzia il Report esteso dell’Istituto superiore di sanità che accompagna il monitoraggio settimanale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.