Covid, bollettino del 26 dicembre: sale ancora il tasso di positività

L’incidenza in Italia rimane ancora molto elevata e l’impatto dell’epidemia è ancora sostenuto nella maggior parte del Paese

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:33

I dati del ministero della Salute riportano oggi, 26 dicembre, 10.407 nuovi casi di coronavirus su 81.285 tamponi, con 261 decessi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri ordinari (23.304, -98) e in terapia intensiva (2.582, -2). Il tasso di positività sale al 12,8%.

Complessivamente, l’incidenza in Italia rimane ancora molto elevata e l’impatto dell’epidemia è ancora sostenuto nella maggior parte del Paese. Inoltre, si continua ad osservare nella maggior parte delle Regioni un rischio Moderato o Alto di una epidemia non controllata e non gestibile. Tale situazione conferma la necessità di mantenere la linea di rigore delle misure di mitigazione adottate nel periodo delle festività natalizie, scrive il ministero.

Vaccino

Sono arrivate questa mattina all’ospedale Spallanzani le 9.750 dosi del vaccino Pfizer-BioNTech destinate all’Italia. Le dosi per Roma resteranno qui; circa 250 militari trasporteranno via terra quelle per le destinazioni entro i 300 chilometri e via aerea da Pratica di Mare le restanti. Domani parte il vax day. Il commento di Arcuri: “Intravediamo la luce dopo una lunga notte“.

Segnalati intanto diversi casi della variante inglese in più Regioni, tra cui tre in Veneto e sei in Campania.

Lockdown natalizio: oltre 55mila controlli

Sono state 55.486 le persone controllate il giorno di Natale nell’ambito delle verifiche sul rispetto dei divieti introdotti con il decreto del 18 dicembre. Di queste, 823sono state sanzionate e 7 denunciate per violazione dela quarantena. Dal Viminale anche i dati sulle verifiche relativi ad attività ed esercizi commerciali: in tutto 8.794. Sanzioni per 31 titolari, chiusi 9 negozi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.