Covid, Arcuri: “L’Italia non è in ritardo con le vaccinazioni”

Arcuri: "Uscire da questo tunnel lo vogliamo tutti". Oggi attese 470mila dosi del vaccino Pfizer. Domani la decisione Ema sul vaccino di Moderna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:39

“L’Italia non è in ritardo con le vaccinazioni. Lo afferma il Commissario all’emergenza Covid, Domenico Arcuri, in una lettera al Corriere della Sera. “Dopo il V-day del 27 dicembre, il primo stock è arrivato 5 giorni fa” e “in poche ore i vaccini sono stati consegnati ai 293 punti di somministrazione preposti alla vaccinazione. Che spetta alle Regioni”, ha spiegato. Sono “1,8 milioni le persone a cui contiamo di somministrare entrambe le dosi entro prossimo mese”.

“All’Italia spettano quest’anno 40 milioni di dosi Pfizer: si comincia con 2.349.750 a gennaio e 1.879.800 a febbraio, con una frequenza di 470mila dosi la settimana – continua – La Pfizer è la sola azienda autorizzata a immettere in commercio il proprio vaccino; lo distribuisce ai Paesi Ue in percentuale alla loro popolazione; all’Italia spetta il 13,46%; aspettiamo Moderna: sarebbero altre 20 milioni di dosi per l’Italia”.

Immunità di gregge

“Per raggiungere la fatidica immunità di gregge – specifica Arcuri ripreso da Ansa – servono i vaccini, un piano e la capacità di somministrarli in fretta. Non servono astrazioni o pregiudizi. Perché, ne sono certo, uscire da questo tunnel lo vogliamo tutti. Al di là dei ruoli di ognuno. E quell’epopea di rinascita e rigenerazione non basta invocarla. Dobbiamo tutti contribuire affinché accada”.

“Sono passati solo 4 giorni dall’inizio della campagna, è davvero presto e sarebbe strumentale fare già consuntivi – sottolinea Arcuri – sono certo che lo spirito di collaborazione che abbiamo messo in campo porterà rapidamente ad azzerare queste asimmetrie” tra Regioni. E se così non sarà di certo non mi esimerò dal denunciarlo”.

Medici, infermieri e Rsa

In queste prime settimane “i destinatari dei vaccini sono i medici, gli infermieri e le Rsa. Poi serviranno dei rinforzi. Abbiamo avviato una ‘call’ pubblica e ricevuto 22mila candidature di medici e infermieri. Quattro giorni fa è entrata in vigore la norma che ci consente di attivarli. I primi saranno formati ed inviati sui territori entro la fine del mese”.

“Serviranno milioni di dosi (fino a 120 per tutti gli italiani) – rileva Arcuri – e, quando ci saranno, sarà avviata la campagna di vaccinazione di massa, che speriamo di concludere in autunno. I punti di somministrazione diventeranno 1.500, uno ogni 40mila abitanti. Il sistema informativo entrerà a pieno regime e servirà a prenotarsi, governare la somministrazione, la sua accountability e la farmaco-vigilanza”.

Oggi attese altre 470mila dosi del vaccino Pfizer. Slitta a domani la decisione Ema sul vaccino di Moderna.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.