Covid: il 99% di bimbi e adolescenti vive limitazioni di movimento

Secondo l'Iss si sono riscontrati problemi comportamentali per 65% dei bambini sotto i 6 anni e nel 71% di quelli più grandi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:30

La pandemia di Covid sta danneggiando la salute mentale di bambini e adolescenti. Attualmente il 99% di essi nel mondo sta sperimentando varie forme di limitazione della propria autonomia di movimento. Compresa la sospensione della frequenza scolastica. Inoltre il 60% vive in Paesi con lockdown parziale o totale. Situazioni che sono la causa di alti livelli di stress e di isolamento e che possono avere ripercussioni sullo sviluppo psico-fisico di bambini e adolescenti.

L’indagine dell’Harvard University

A fare il punto è l’Istituto superiore di sanità (Iss) nella newsletter Guadagnare Salute. Secondo una ricerca dell’Università di Harvard realizzata a marzo e aprile scorsi. Il campione coinvolto è di di 3.453 individui (per l’Italia hanno partecipato l’ospedale pediatrico Gaslini e l’università di Genova). E’ emerso che il benessere dei bambini “appare assediato allo stesso modo degli adulti per ciò che concerne la qualità di vita e l’equilibrio emotivo, a prescindere dallo stato psicosociale di partenza, per effetto diretto del confinamento e delle condizioni familiari contingenti (assenza o perdita dei nonni, genitori disoccupati o senza lavoro, scarsa socializzazione)”.

Dall’analisi dei dati preliminari relativi alle famiglie italiane con figli minorenni, è emerso inoltre che nel 65% dei bambini sotto i 6 anni e nel 71% dei bambini sopra i 6 anni si sono rilevati problemi comportamentali e sintomi di regressione. Nei bambini con meno di 6 anni i disturbi più frequenti sono stati l’aumento dell’irritabilità, disturbi del sonno e d’ansia (inquietudine, ansia da separazione), mentre tra i 6 e 18 anni sono prevalsi disturbi d’ansia, sensazione di mancanza d’aria e del sonno.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.