Coronavirus, morti due lavoratori di Poste Italiane

I due dipendenti di Poste Italiane lavoravano uno in centro di recapito e l'altro in un ufficio postale della provincia di Bergamo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:24

Due lavoratori di Poste Italiane sono morti in provincia di Bergamo a causa del contagio da Covid-19. La notizia è stata resa nota da Marisa Adobati, componente della segreteria della Slc-Cgil di Bergamo, sottolineando che entrambi avevano “lavorato fino a pochi giorni fa, uno in centro di recapito e l’altro in un ufficio postale di due comuni della provincia di Bergamo. Ora basta, è ora di chiudere gli uffici postali”.

Chiudere gli uffici postali

Da alcune settimane la Slc-Cgil sostiene “l’inutilità di esporre al contagio i lavoratori di Poste Italiane della bergamasca, ed ovviamente non solo del nostro territorio, e ci viene ripetuto in maniera assillante che Poste deve garantire i servizi essenziali”. “Il recapito di un bollettino o la marea di avvisi di mancata consegna delle raccomandate – prosegue il sindacato – non crediamo siano da considerarsi espletamento di servizi essenziali. Molte scadenze fiscali ed invii di notifica sono stati, tra l’altro, sospesi per decreto. Il punto è che, ormai, ‘andare in Posta‘ per molti è diventato il pretesto per fare una ‘giustificata’ passeggiata in Paese“.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.