Coronavirus, 38enne ricoverato grave a Lodi. Contagiati altri due

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:17

E'il primo caso di contagio da nuovo coronavirus in Lombardia, a cui ne sono seguiti altri due. Si tratta di un uomo 38enne, da ieri ricoverato in terapia intensiva presso l'ospedale di Codogno, in provincia di Lodi, dopo che il test per il nuovo coronavirus ha dato esito positivo. Ricoverati anche altri due probabili contagiati: una è la moglie, mentre il terzo caso è un uomo che si è presentato volontariamente in un ospedale del lodigiano con sintomi di polmonite. Sarebbe entrato in contatto con l'uomo.

Prognosi riservata

Al momento, le condizioni del 38enne, da ieri ricoverato presso il nosocomio, sono ritenute “molto gravi”. Al momento, l'uomo avrebbe un'insufficienza respiratoria. L'assessore al Welfare della Regione, Giulio Gallera, ha dichiarato a RaiNews24 che le condizioni dell'uomo sono in “lieve miglioramento”, mentre “a fini cautelativi” è stato chiuso il Pronto Soccorso e le attività attualmente interrotte.

La ricostruzione

Ieri sera il 38enne si è presentato al Pronto Soccorso dell'ospedale di Codogno con gravi problemi respiratori. In una secondo momento, è stato dichiarato positivo all'nCoV-2019. Le autorità sanitarie regionali stanno cercando di ricostruire gli spostamenti dell'uomo per sottoporre le persone venute a contatto con lui a necessarie misure di monitoraggio ed eventualmente contenimento. L'uomo, stando a quanto si apprende, sarebbe andato a cena in un locale di Milano con un amico che era tornato dalla Cina prima, evidentemente, del blocco dei voli di fine gennaio. È, inoltre, prevista una conferenza stampa, sebbene l'orario sarà comunicato nel corso della giornata. Intanto, un'équipe dell'Istituto Lazzaro Spallanzani si sta recando a Codogno. 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.