Coronavirus: 360 vittime, oltre 16mila positivi

Il generale Figliuolo annuncia l'arrivo di nuove dosi di vaccino contro il coronavirus. A maggio saranno oltre 15 mila

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:29
pandemia

Sono leggermente il calo i numeri delle vittime e delle persone che sono risultate positive al Covid-19. E’ quanto emerge dal bollettino del Ministero della Salute diffuso in data odierna.

I dati

Sono 16.232 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, ieri erano stati 13.844. Sono invece 360 le vittime in un giorno (ieri 364).

Sono 364.804 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia. Ieri i test erano stati 350.034. Il tasso di positività è del 4,4%, in aumento rispetto al 3,9% di ieri.

In calo i ricoveri nelle terapie

Sono 3.021 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per Covid in Italia, in calo di 55 unità rispetto a ieri nel saldo giornaliero tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri sono stati 174 (ieri 155). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 22.094 persone, in calo di 690 rispetto a ieri.

In arrivo nuove dosi di vaccino

E mentre procede la campagna di vaccinazione di massa, il commissario straordinario per l’emergenza Covid, il generale Figliuolo ha annunciato l’arrivo di nuove dosi di vaccino. “Dal 27 al 29 aprile arriveranno a livello nazionale oltre due milioni e mezzo di dosi e poi dal 30 aprile fino al 4-5 maggio quasi 2,6 milioni di dosi. E per maggio sono molto, molto positivo perché le stime mi danno oltre 15 milioni“. “La campagna – ha aggiunto – va avanti, procede in maniera regolare”.

Al momento, in Italia sono state somministrate oltre 16 milioni di dosi di vaccino. Secondo il report del governo, aggiornato al 22 aprile, mattina, sono state inoculate 16.271.272 dosi mentre sono 4.773.616 gli italiani che hanno concluso il ciclo vaccinale ricevendo anche la seconda dose.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.