Coronavirus: 19.350 i positivi; 785 le vittime

Brusaferro: "Come saremo a Natale dipende da come la curva scende"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:20
Covid-19

Sono 19.350 i test positivi al coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia, le vittime sono 785. Sono questi i dati del ministero della salute diffusi in data odierna e illustrati nel corso della conferenza stampa da Gianni Rezza dell’Istituto Superiore della Sanità. nell’arco dell’ultima giornata sono stati effettuati 182.100 tamponi, oltre 50 mila più di ieri. La percentuale di positività, ha spiegato Rezza, è intorno al 10%. In totale dall’inizio della pandemia i casi di coronavirus sono 1.620.901, le vittime 56.361.

Parità tra positivi e guariti

Inoltre, stando ai dati del nuovo bollettino, il numero di dimessi o guariti ha raggiunto quello degli attualmente positivi al coronavirus. Gli attualmente positivi in Italia sono 779.945, mentre i guariti sono 784.595, con una differenza di 4.650 casi. Cala quasi del 2% rispetto a ieri il tasso di positività, ossia il rapporto tra positivi trovati e test effettuati. E’ oggi al 10,6% in calo dell’1,9% rispetto al giorno precedente quando era al 12,5%.

Le terapie intensive

Sono 3.663 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, in calo di 81 unità rispetto a ieri. I ricoverati nei reparti ordinari sono ora 32.811, in calo di 376 rispetto a ieri. In isolamento domiciliare ci sono 743.471, in calo di 8.069 rispetto a ieri.

Brusaferro: casi in calo, ma numeri ancora alto

“Oggi il numero dei nuovi casi è in diminuzione ma è ancora molto alto. I comportamenti individuali e collettivi determinano la probabilità di diffusione del virus – ha detto il presidente dell’Istituto Superiore della sanità, Silvio Brusaferro -. Quindi non ci sono scorciatoie perché noi siamo i protagonisti“.

Come saremo a Natale – ha proseguito – dipende da come la curva scende e quanto rapidamente scende”. 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.