Coppia uccisa nel Reggino, arrestato un parente delle vittime

Giuseppe Cotroneo, 58 anni, e Francesca Musolino, 51, vennero uccisi con alcuni colpi di fucile mentre raccoglievano le olive

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:41

Individuato e arrestato il presunto omicida dei coniugi uccisi nel Reggino il 9 dicembre scorso. Si tratta di Francesco Barillà, 65, parente di Giuseppe Cotroneo e Francesca Musolino, la coppia uccisa. L’uomo avrebbe sparato alla coppia per motivi di interessi legati al terreno di Cotroneo.

Il duplice omicidio

Giuseppe Cotroneo, di 58 anni, e Francesca Musolino, di 51, marito e moglie, vennero uccisi lo scorso 9 dicembre con alcuni colpi di fucile mentre raccoglievano le olive a Calanna, a Reggio Calabria.

A trovare i corpi senza vita fu uno dei due figli della coppia, che si era allontanato per trasportare le prime cassette di olive poco prima degli spari. Il giovane udì dei colpi di arma da fuoco e preoccupato si precipitò al campo, trovando però i genitori già morti. Sul posto intervennero i carabinieri coordinati dal procuratore aggiunto di Reggio Calabria Gerardo Dominijanni e dal pm di turno Flavia Modica. Oggi, l’arresto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.