Coppia scomparsa a Bolzano, trovato il corpo di Laura Perselli

E' di Laura Perselli, la bolzanina scomparsa il 4 gennaio madre di Benno Neumair, il corpo ripescato a poca distanza dal ponte di Magré

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:25
Peter Neumair e Laura Perselli

Il corpo di una donna è stato ripescato oggi dall’Adige tra gli abitati di San Floriano e Laghetti, a sud di Bolzano. Dopo qualche ora dal ritrovamento, è arrivata la conferma ufficiale. E’ di Laura Perselli, la bolzanina scomparsa il 4 gennaio, il corpo ripescato dall’Adige nel tratto che affianca i campi tra Egna e Laghetti, a poca distanza dal ponte di Magré. La notizia è arrivata intorno alle 11 e sarebbe stata confermata dall’avvocato Carlo Bertacchi, difensore di Madé Neumair, la figlia della vittima.

Il ritrovamento potrebbe rappresentare la svolta per iniziare a fare chiarezza, dopo un mese, sul “giallo” della coppia scomparsa in Alto Adige.

I carabinieri hanno recintato l’intera zona e bloccato gli accessi al ponte sull’Adige e i vigili del fuoco hanno intensificato le ricerche in acqua nella zona del ritrovamento. La speranza è quella di poter localizzare anche il corpo del marito, Peter Neumair, prima che cali il buio.

Il presunto omicida: Benno

Peter Neumair è il padre di Benno, il trentenne accusato del duplice omicidio e dell’occultamento dei cadaveri dei due genitori e per questo recluso da una settimana nel carcere di Bolzano. Benno Neumair, 30 anni, è indagato dallo scorso 19 gennaio per omicidio volontario e occultamento di cadavere.

Il ritrovamento di Perselli è stato reso possibile grazie all’abbassamento dell’Adige. La società idroelettrica altoatesina Alperia, vista la programmazione della produzione degli impianti in seguito a delle manutenzioni programmate, ha ridotto il deflusso delle dighe di Glorenza, Naturno, Tel e Marlengo, Lana e Brunico, abbassando i livelli del fiume Adige per una trentina di centimetri. Ora si attende il ritrovamento del corpo del marito, almeno per dare degna sepoltura ai due poveri coniugi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.