Consiglio Ue, approvata l’erogazione dei fondi coesione

L'obiettivo è quello di assistere con le risorse necessarie i rifugiati ucraini in fuga dalla guerra

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:12

Il Consiglio dell’Unione Europea ha approvato una proposta legislativa che stanzierà immediatamente i finanziamenti della Politica di coesione con l’obiettivo di assistere i rifugiati ucraini in fuga dopo l’invasione militare russa del paese.

Le novità introdotte

Oltre a ciò, la proposta introduce una flessibilità superiore nell’ambito della riallocazione dei finanziamenti ed estende di un anno contabile il finanziamento del 100% dal bilancio dell’Ue riguardante i programmi di Coesione. Tale misura è stata introdotta inizialmente nel 2020 con l’obiettivo di coadiuvare la ripresa economica post Covid-19. Questo sta ad indicare che gli Stati membri potranno accelerare lo stanziamento di tutti i finanziamenti non programmati nel periodo 2014-2020. Oltre a ciò, possono disporre della somma di 10 miliardi di euro per il 2022 nell’ambito di Reat-Eu, ossia il grande programma di investimento pubblico nell’Unione Europea post coronavirus.

Gli obiettivi

In seguito all’accoglienza di quasi tre milioni di sfollati provenienti dall’Ucraina, la rapida erogazione di tali fondi si pone l’obiettivo di far sì che gli stati membri dell’Unione Europea, possano porre in essere stanziamenti urgenti per aiutare il più celermente possibile gli sfollati.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.