Consegnate le insegne ai nuovi Cavalieri del Lavoro

Ha luogo oggi al Quirinale la cerimonia di consegna da parte del Capo dello Stato Sergio Mattarella

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:16
Sergio Mattarella vittime mafie
Il Capo di Stato, Sergio Mattarella (Foto © Quirinale)

Ha luogo oggi al Quirinale la cerimonia di consegna delle insegne di Cavaliere all’ordine al merito del lavoro nominati dal presidente della Repubblica negli scorsi 2 giugno 2020 e 2021.

L’importanza di questa onorificenza

È stata istituita nel 1901, l’onorificenza e viene conferita ogni anno in occasione della Festa della Repubblica a imprenditori italiani, che si sono distinti nei cinque settori dell’agricoltura, dell’industria, del commercio, dell’artigianato e dell’attività creditizia e assicurativa. I requisiti necessari per essere insigniti dell’onorificenza sono l’aver operato nel proprio settore in via continuativa e per almeno vent’anni con autonoma responsabilità, e l’aver contribuito in modo rilevante, attraverso l’attività d’impresa, alla crescita economica, allo sviluppo sociale e all’innovazione. Particolare attenzione è posta ai valori che sono alla base dell’onorificenza: la specchiata condotta morale e civile, nel rispetto dei principi etici e della sostenibilità sociale, ambientale e di buona governance.

Gli insigniti

Nell’anno 2021 gli insigniti sono stati: Ancorotti Renato, Beltrame Angiola, Checchi Marco, Di Foggia Giuseppina, Donnet Philippe, Elkann John Philip, Faraotti Battista, Fedele, Garrone Alessandro, Gavezzotti Graziella,  Gubitosi, Manetti Giovanni, Palmieri Antonio, Pilloni Salvatore, Piovesana Maria Cristina, Rappuoli Rino, Remondini Emanuele , Risatti Nicola, Togni Paola, Valentini Grazia, Vincenzi Giuseppe, Viscardo Gianluigi Carlo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.