Confcommercio, allarme consumi: -8% a ottobre

Dopo un miglioramento del terzo trimestre 2020 il Pil di novembre registra un calo del -12,1% sull'anno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:44
Confcommercio

Dopo un anno drammatico la forte ripresa economica, registrata nel terzo trimestre, aveva fatto ben sperare. Purtroppo Confcommercio lancia un nuovo allarme per i consumi. Questi ad ottobre, secondo “l’indice congiunturale calcolato dall’associazione” sono calati dell’8,1% rispetto allo stesso mese del 2019.

I dati di Confcommercio

Il rallentamento, ha interessato in misura più immediata e significativa la filiera del turismo, servizi ricreativi (-73,2%), alberghi (-60%), bar e ristoranti (-38%). Per il mese di novembre si stima una riduzione del Pil del 7,7% su ottobre e del 12,1% nel confronto annuo. Secondo Confcommercio, le dinamiche registrate negli ultimi due mesi, a meno di un eccezionale, ma improbabile, recupero a dicembre, portano a stimare preliminarmente una decrescita congiunturale del Pil nel quarto trimestre superiore al 4%.

La situazione del terzo trimestre

Già a settembre le vendite al dettaglio erano diminuite rispetto ad agosto dello 0,8% in valore e dello 0,4% in volume. Lo rende noto l’Istat, precisando che su base tendenziale si registra invece un aumento delle vendite dell’1,3% in valore e dell’1,5% in volume. Nel terzo trimestre 2020, invece le vendite hanno registrato un aumento congiunturale del 13,9% in valore e del 13,7% in volume. Questo grazie alla forte crescita dei beni non alimentari (+28,8% in valore e +27,4% in volume). In leggera flessione, invece, i beni alimentari (-0,7% in valore e -0,4% in volume).

Le previsioni per il prossimo anno

Queste valutazioni non comporterebbero modifiche nella dinamica complessiva del Pil per il 2020 (tra il -9% e il -9,5%), grazie a un terzo trimestre decisamente più favorevole rispetto alle stime, ma implicherebbero un’entrata ben peggiore nel 2021, facendo svanire le più ottimistiche previsioni di rimbalzo statistico per l’anno prossimo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.