Cisgiordania: Com. Giovanni XXIII, bambini arrestati, l’ONU intervenga

Cinque bambini palestinesi di 8-12 anni del villaggio di Ar Rakeez (Hebron, Cisgiordania) sono stati arrestati da militari israeliani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:00

«Esprimiamo forte preoccupazione per l’arresto di cinque bambini avvenuta nel pomeriggio in Cisgiordania. Secondo le nostre fonti i bambini stavano raccogliendo verdure selvatiche quando sono stati prima allontanati dai coloni di un insediamento israeliano e poi portati in caserma dai militari. Chiediamo che la Comunità internazionale e il Segretario Generale delle Nazioni Unite intervengano a difesa dei diritti umani dei bambini».

E’ quanto dichiara Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, in merito all’arresto di cinque bambini palestinesi di 8-12 anni del villaggio di Ar Rakeez nelle colline a sud di Hebron, in Cisgiordania vicino alla colonia di Havat Ma’on. Secondo le fonti di Operazione Colomba, il Corpo di Pace della Comunità di don Benzi presente dal 2004 in Palestina, i bambini sono stati portati presso la stazione di polizia di Kiryat Arba e rilasciati dopo alcune ore.

In questo video il momento dell’arresto.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.