Caucus Iowa: Buttigieg vince di misura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:22

E'infine terminato lo spoglio a mano dei voti delle primarie dem, i caucus, in Iowa.  Lo Stato è il primo degli Usa ad essere andato al voto lunedì per eleggere il candidato democratico che andrà a sfidare il presidente repubblicano Donald Trump alle elezioni di novembre 2020. L'ex sindaco di South Bend Pete Buttigieg mantiene un lievissimo vantaggio sul senatore Bernie Sanders col 100% dei voti scrutinati dopo i caucus in Iowa, prima tappa delle primarie dem per la corsa alla Casa Bianca: 26,2% contro 26,1%. La senatrice Elizabeth Warren arriva terza col 18%, seguita dall'ex vice presidente Joe Biden col 15,8%. Quinta la senatrice Amy Klobuchar col 12,3%. “E' una notizia fantastica”, ha commentato Buttigieg. I candidati hanno tempo sino alle 12 locali (le 19 in Italia) di oggi per chiedere il riconteggio. E il presidente del comitato nazionale del Partito Democratico, Tom Perez, ha chiesto infatti di riconteggiare da capo le schede. “Quando è troppo è troppo! Il riconteggio deve avvenire immediatamente”, ha twittato giovedì Perez. “Alla luce dei problemi emersi nell'attuazione del processo di selezione dei delegati e per fare in modo che l'opinione pubblica abbia fiducia nei risultati. Chiedo al Partito Democratico dell'Iowa di avviare immediatamente un riconteggio”.

Xi Jiping

Il presidente cinese Xi Jinping ha telefonato questa mattina al presidente americano Donald Trump. Xi ha chiesto al suo omologo Usa di “rispondere ragionevolmente” all'emergenza scatenata dall'epidemia del nuovo coronavirus di Wuhan. Secondo i media ufficiali cinesi, i leader hanno convenuto sulla necessità di proseguire l'attuazione della “fase uno” dell'accordo commerciale firmato a Washington il 15 gennaio scorso, impegnandosi a tenere aperti i canali sul fronte della comunicazione e della cooperazione.
   

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.