Casoria: Baby Gang al femminile picchia amichetta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:04

Violenza giovanile a Casoria (in provincia di Napoli). Vittima, un'adolescente che un gruppo di ragazzine sue coetanee ha  accerchiato e pestato a sangue lasciandola ferita a terra. Il pestaggio, un vero e proprio agguato di gruppo, è avvenuto in un parco commerciale del comune campano, fuori da un cinema. La denuncia arriva dalla pagina Facebook del consigliere campano dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che pubblica sulla propria pagina fb anche un video. Il video, registrato da una persona che era vicino al gruppo di giovani che hanno litigato, ha fatto impazzire i social sollevando un caso e diventando virale.

Il video

Nelle immagini, si sentono prima le urla, poi gli insulti e le minacce. Infine, l’aggressione a suon di calci, schiaffi, pugni e il cosiddetto “strascino“, ovvero una ragazza che prende la rivale per i capelli trascinandola a terra. “Botte da orbi fra ragazzine – scrive Borrelli -. La segnalazione che ci è arrivata ci lascia a bocca aperta. Un folto gruppo di adolescenti ha accerchiato una ragazzina che è stata picchiata con una violenza e una brutalità impressionanti. Un agguato in piena regola, un’aggressione in puro stile criminale. E pensare che a metterla in pratica siano adolescenti fa venire i brividi”. Secondo Borrelli “È purtroppo il segno che non esistono più freni, non esistono più limiti. La cultura della violenza, spesso acquisita in famiglia, prende il sopravvento e crea generazioni di incivili e delinquenti“. “Abbiamo deciso di segnalare il video alle forze dell'ordine. Chiediamo – aggiunto Borrelli e Gianni Simioli, speaker radiofonico – che vengano visionate le telecamere del parco commerciale e individuate le ragazzine responsabili dell'aggressione. Vanno assolutamente fermate, punite ed educate. Ne va del loro futuro”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.