Scuola, Casellati: “La generazione Alpha sa affrontare la crisi Covid”

La presidente del Senato, Elisabetta Casellati, ha aperto stamane l'evento "Ora di Futuro", progetto di Generali dedicato alla scuola

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:02
La presidente del Senato, Elisabetta Casellati

I bambini della cosiddetta “generazione Alpha“, “colpiti più di altri in quest’ultimo anno dagli effetti dell’emergenza sanitaria, sono stati privati di luoghi, di relazioni e di opportunità per la loro crescita e lo sviluppo della loro personalità”, ma “nonostante queste difficoltà e questi grandi cambiamenti individuali e sociali, è stata straordinaria la loro capacità di affrontarli“. L’ha detto la presidente del Senato, Elisabetta Casellati, aprendo l’evento “Ora di Futuro”, un progetto di Generali dedicato alla scuola, in corso nella sala della Minerva, a Roma.

Il progetto, alla sua terza edizione, ha coinvolto insegnanti, famiglie, scuole e reti no profit in tutta Italia su temi come l’ambiente, la salute e il benessere, le risorse economiche e la loro gestione, per un numero complessivo di 180 mila bambini e 11 mila classi.

Casellati: “Desiderio grande di abbracciare la realtà”

La presidente Casellati ha aggiunto: “Chiusi dentro le mura di casa, privati degli amici, dei compagni, dello sport, costretti a rimanere per ore davanti allo schermo di un computer, hanno certamente vissuto questi mesi con fatica e sofferenza, esprimendo nei confronti degli adulti un urgente bisogno di cura e protezione”.

Tuttavia come emerso anche dai risultati del progetto “i bambini hanno sviluppato una capacità di guardare la realtà con ottimismo, di aprirsi agli altri con fiducia, incontrando e valorizzando le diversità – ha rimarcato Casellati -. E tutto ciò con un desiderio grande di abbracciare la realtà nella sua varietà e complessità. Desiderio che si manifesta anche in una grande sensibilità per l’ambiente e in una attenzione per gli animali e ogni essere vivente”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.