Carmagnola: la moglie vuole lasciarlo, uccide lei e il figlio di 5 anni

Tragedia in una palazzina in provincia di Torino. L'uomo, un italiano di 39 anni, si è poi gettato dal balcone del terzo piano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:31
Le vittime: Teodora Casasanta e il figlio Ludovico

Ennesima tragedia familiare che vede coinvolto anche un bambino. Alexandro Riccio, 39 anni, ha ucciso la moglie e il figlio, di appena 5 anni, per poi tentare il suicidio lanciandosi dal balcone di casa. È accaduto intorno alle 3 di questa notte in una abitazione di Carmagnola (Torino), dove i Carabinieri hanno arrestato l’uomo, un italiano. Nulla da fare, invece, per la moglie, Teodora Casasanta, e il figlio di soli 5 anni, Ludovico. I rilievi tecnici sono stati effettuati dal Nucleo Investigativo del Comando provinciale di Torino.

Tragedia familiare

Il duplice omicidio è avvenuto al culmine di una lite familiare in un edificio di via Barbaroux. Per uccidere la moglie, anche lei 39enne, e il figlio, l’uomo avrebbe utilizzato un oggetto contundente.

E’ stato il vicino di casa, svegliato nel cuore della notte dalle urla, a chiamare i carabinieri al civico 45 di via Barbaroux, a Carmagnola, dove Alexandro Riccio – dopo l’insensata mattanza – ha tentato di suicidarsi lanciandosi dal terzo piano di casa.

Sopravvissuto al tentato suicidio

L’assassino, sempre secondo i primi accertamenti, non avrebbe accettato la volontà della moglie, un’operatrice socio sanitaria, di interrompere la relazione coniugale con lui. Al momento – scrive Ansa – è ricoverato al Cto di Torino, piantonato in stato di fermo dagli stessi militari dell’Arma intervenuti su segnalazione dei vicini di casa. Non sarebbe in pericolo di vita: nel tentativo di suicidarsi lanciandosi dal balcone, l’uomo avrebbe riportato solo una frattura composta dello sterno. Per Teodora e il piccolo Ludovico, invece, rimane solo il ripianto di una morte che forse, come tante altre, si sarebbe potuta evitare.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.