Brusaferro, la discesa dei contagi si è fermata, occorre prudenza

Fondamentale mantenere l'attenzione nelle situazioni a rischio e procedere con il tracciamento dei casi. Secondo Israele il vaccino Pfizer è meno efficace sulla variante Delta del 30%

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:26

“Credo che la valutazione debba essere fatta in base alla situazione epidemiologica locale. Dunque bene per gli inglesi se possono riacquistare alcune libertà”. Lo afferma Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità, in un’intervista al ‘Corriere della Sera’. Il commento è sulla scelta del Regno Unito di riaprire tutto il 19 luglio, nonostante il nuovo aumento di contagi dovuti alla variante Delta.

In Italia l’obbligo dell’uso della mascherina all’aperto è stato allentato, “ma anche in una fase di circolazione contenuta del virus come l’attuale, resta fondamentale mantenere l’attenzione nelle situazioni a rischio – ricorda Brusaferro – vale a dire quando ci ritroviamo nella folla o in situazioni che non consentono il distanziamento. Non bisogna stancarsi di ricordarlo. Stanno emergendo nuove varianti che come abbiamo visto sono capaci di conquistare il campo con grande rapidità”.

L’aumento della variante Delta

Sulla variante Delta e la sua minore o maggiore aggressività, Brusaferro aggiunge che “al momento non abbiamo evidenze sufficienti per affermare che dal punto di vista clinico sia meno aggressiva, perché le infezioni si inseriscono in un contesto di popolazione vaccinata in percentuali elevate. Servono più dati per comprendere il reale impatto clinico del ceppo mutante. Sappiamo però che se siamo immunizzati al completo con doppia dose, la protezione dalla variante è molto alta, specie per quanto riguarda effetti più gravi, ricovero e mortalità“.

Per quanto concerne il numero dei contagi che si registrano in Italia “l’auspicio è che si possa scendere ancora, ma i dati al momento mostrano che la discesa si è fermata. La scommessa è mantenerci su numeri più bassi possibile che ci garantiscano di poter tracciare i casi positivi”.

Infine i viaggi: “Se partiamo vaccinati e osserviamo comportamenti prudenti possiamo sentirci più al sicuro. Dipende soltanto da noi. Un rischio potenziale c’è, se ci si addentra senza protezioni fra folle provenienti da altri Paesi. Al rientro sarà importante attuare una strategia di tracciamento dei casi e quarantena”, conclude.

Secondo Israele Pfizer il 30% meno efficace sulla variante Delta

Il vaccino Pfizer è “in maniera significativa” meno efficace nel prevenire la diffusione della variante Delta. Lo indicano dati diffusi dal ministero della Sanità israeliana in un’analisi dell’infezione in un Paese dove la vaccinazione di massa è avvenuta in maniera esclusiva con quel tipo di immunizzazione.

I dati – pur confermando che il vaccino protegge dai casi seri e dall’ospedalizzazione – indicano che l’efficacia nel prevenire casi sintomatici è scesa di circa il 30% passando dal 94,3% (nel maggio scorso) al 64% di giugno a fronte della diffusione della variante Delta.

Alla variante Delta – ritenuta due volte più contagiosa – sono stati attribuiti in Israele il 90% dei nuovi casi nelle ultime due settimane

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.