P.a., Brunetta: “Pronti ad assumere con contratti a termine di 5 anni”

Brunetta: "Rinnovare la pubblica amministrazione che, nell'ultimo decennio, è stata desertificata dal blocco del turnover e dai pensionamenti"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:01
Il ministro della pubblica amministrazione (pa), Renato Brunetta

“Abbiamo oggi la concreta possibilità non solo di metterci alle spalle la pandemia, ma di uscirne meglio rispetto a come ci eravamo entrati”. Così il ministro della Pubblica amministrazione (P.a.), Renato Brunetta, in un’intervista alla Stampa uscita oggi, 2 aprile.

Secondo il ministro, servirebbe “un grande processo di semplificazione delle norme burocratiche e di reclutamento del capitale umano necessario per rinnovare le competenze di una P.a. che, nell’ultimo decennio, è stata desertificata dal blocco del turnover e dai pensionamenti”.

“Abbiamo bisogno di procedure semplici e di figure professionali adatte: ingegneri, informatici, economisti, manager”, spiega Brunetta. “Prenderemo tutti quelli che saranno necessari, né di più né di meno”, continua.

Contratti a termine nella pubblica amministrazione

Con contratti a termine? “Sì – risponde -, ma di cinque anni e finanziati dagli stessi progetti che si andranno a realizzare”. “Ci sarà un portale per reclutare le persone”. Il ministro rileva come ci sia già “un forte rimbalzo del Pil”. Poi, “abbiamo un governo che è sostanzialmente di unità nazionale, se si esclude la bravissima Giorgia Meloni”.

“Guerra ai fannulloni”

A suo avviso “se vogliamo cogliere l’opportunità della crisi per andare oltre, bisogna mettere al centro i volti della Repubblica”, ovvero “i 3,2 milioni di dipendenti pubblici, cui vanno aggiunti i cosiddetti burocrati, da non confondere con la cattiva burocrazia”.

Interpellato sulla guerra ai “fannulloni” dichiarata 13 anni fa, ribatte: “Io non sono cambiato e anzi rivendico tutto quanto feci in quella mia prima stagione, le considero due facce della stessa medaglia”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.