Bombe su ospedale e scuole a Lugansk. Bombardato aeroporto di Dnipro

Le forze armate russe hanno preso il controllo dell'intero territorio della regione di Kherson, nell'Ucraina meridionale. Onu: quasi 3 milioni di rifugiati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:44

Almeno 4 persone sono rimaste uccise durante i bombardamenti russi nella città ucraina di Rubezhnoye, nella regione del Lugansk, che hanno colpito e distrutto un collegio per non vedenti, un ospedale cittadino, tre scuole e altre strutture militari. Lo riferisce il Kiev Indipendent citando Serhiy Haidai, capo dell’amministrazione militare regionale del Lugansk su Telegram.

Bombardato l’aeroporto di Dnipro: “massicce distruzioni”

L’aeroporto di Dnipro è stato bombardato, e sul posto è stata osservata una “massiccia distruzione”. Lo hanno affermato le autorità regionali in Ucraina.

Mosca: “Occupata l’intera regione di Kherson”

Le forze armate russe hanno preso il controllo dell’intero territorio della regione di Kherson, nell’Ucraina meridionale. Lo riferisce il portavoce del ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov, citato dalle agenzie russe. “Le forze armate russe hanno preso il pieno controllo dell’intero territorio della regione di Kherson”, ha affermato.

Ucraina, edificio colpito a Kiev: almeno due morti

Almeno due persone sono morte dopo che un edificio residenziale di Kiev è stato colpito stamattina in un attacco, nel ventesimo giorno di guerra. Lo riferisce il servizio di emergenza ucraino. I servizi di emergenza ucraini spiegano su Facebook che l’esplosione ha colpito un edificio di 15 piani nel quartiere di Sviatochine, nella parte occidentale di Kiev, e ha causato un grande incendio. “Due corpi senza vita sono stati trovati sul luogo”, spiegano i soccorritori, aggiungendo di essere riusciti a salvare 27 persone. L’esplosione ha fatto scoppiare tutti i vetri dell’immobile e di quelli vicini, secondo quanto ha constatato un giornalista dell’Afp sul posto, riportato da Ansa.

Nelle esplosioni che hanno colpito Kiev in mattinata sono stati stata danneggiati anche la facciata e gli uffici di una stazione centrale della metropolitana della capitale ucraina, la stazione di Lukyanivska. Lo riporta la Bbc citando la società che gestisce il servizio, che su twitter pubblica le immagini della stazione danneggiata, che è stata chiusa.

Crisi Ucraina, Onu: quasi 3 milioni di rifugiati

Il numero di Ucraini fuggiti dal paese continua a salire e sfiora la soglia dei 3 milioni. Secondo gli ultimi dati dell’Onu, dal 24 febbraio, data dell’aggressione russsa, un totale di 2.952.026 rifugiati hanno attraversato il confine ucraino per cercare rifugio all’estero.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.