Bollettino covid martedì 9 marzo: 20mila nuovi contagi in un giorno

La Regione con più contagi è ancora la Lombardia. Fontana: "Siamo entrati in quella che è definita come terza ondata"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:13

Sono quasi ventimila (per la precisione: 19.749) i nuovi casi di coronavirus in 24 ore. Tornano a salire anche i decessi: 376 solo oggi. Ieri le vittime sono state 318 e 13.902 i nuovi casi. È quanto emerge dai dati forniti dal Ministero della Salute sulla diffusione del contagio nel nostro Paese.

Tasso di positività

Nelle ultime 24 ore sono stati processati 345.336 tamponi (quasi il doppio di ieri), con un tasso di positività del 5,7% (-1,8%).

Il totale dei contagi in Italia è di 3.101.093, mentre il bilancio delle vittime è di 100.479. Ad oggi ci sono 478.883 attualmente positivi, 6.350 in più rispetto alla giornata di ieri. I guariti e i dimessi dall’inizio dell’emergenza sono invece 2.521.731, con un incremento di 12.999 nelle ultime 24 ore.

Ricoveri e terapie intensive

Attualmente sono 2.756 i pazienti in terapia intensiva, 56 in più rispetto a ieri nel saldo quotidiano tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri in rianimazione, secondo i dati del ministero della Salute, sono 278 (ieri erano 231). Nei reparti ordinari ci sono invece 22.393 persone, in aumento di 562 unità rispetto a ieri.

Lombardia ancora la regione più colpite

La Regione che fa registrare il più alto numero di infezioni su base giornaliera è sempre la Lombardia (+4.084), seguita da Campania (+2.709), Emilia Romagna (+2.429) e Piemonte (+2.018). Le altre Regioni hanno avuto un incremento inferiore alle 2mila unità. Chiude la classifica la Valle d’Aosta (+8).

Fontana: “Lombardia nella terza ondata”

“Da una settimana, soprattutto a causa delle varianti, siamo entrati in quella che è definita come ‘terza ondata’. I dati ospedalieri sono in netta crescita e purtroppo le chiusure sono ancora necessarie per contrastare l’espansione del virus, ma non è la stessa situazione di un anno fa. Sappiamo come proteggerci”. E’ il pensiero del presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana.

Con un tasso di positività all’8,5%, in calo rispetto a ieri (10%), sono comunque in aumento i ricoveri sia in terapia intensiva (+14, 611) sia negli altri reparti (+216, 5.416). I decessi sono 63 per un totale complessivo di 28.853 morti in regione dall’inizio della pandemia. La città metropolitana di Milano è la provincia più colpita con 1.056 casi, di cui 505 a Milano città, seguita da Brescia (729) e Varese (563).

Per quanto riguarda un eventuale passaggio in zona rossa da lunedì, “è chiaro – ha sottolineato ancora Fontana – che i numeri non stanno migliorando. Noi stiamo cercando di contenerli con tutte le misure che abbiamo assunto. In ogni caso, non mi sembra che possano esserci grossissimi cambiamenti, nel senso che l’arancione rafforzato che abbiamo preso è già una misura importante per i fini del contenimento”.

I nuovi positivi Regione per Regione

Lombardia: 4.084

Veneto: +1.608

Piemonte: +2.018

Campania: +2.709

Emilia Romagna: +2.429

Lazio: +1.431

Toscana: +1.001

Sicilia: +595

Puglia: +1.286

Liguria: +248

Friuli Venezia Giulia: +598

Marche: +423

Abruzzo: +187

Sardegna: +146

P.A. Bolzano: +178

Umbria: +232

Calabria: +149

P.A. Trento: +213

Basilicata: +186

Molise: +18

Valle d’Aosta: +8

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.