Bollettino Covid: 5.506 nuovi casi e 149 decessi

Il tasso di positività si assesta a 1,9%, scendono ancora i ricoveri (-46 nelle terapie intensive e -521 nei reparti ordinari). Quasi nove milioni di persone hanno ricevuto entrambe le dosi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:06

Il Ministero della Salute pubblica i dati dell’aggiornamento al 19 maggio 2021. Sono 5.506 i nuovi casi di contagio riscontrati in Italia, dopo l’analisi di 287.256 tamponi. L’indice di positività è all’1,9%. Nelle ultime 24 ore si registrano altri 149 morti, che portano il totale delle vittime a 124.646 da inizio pandemia.

Continua la discesa dei ricoveri in terapia intensiva, dove ci sono ora 1.643 persone (-46 da ieri), con 70 nuovi ingressi. I ricoveri ordinari sono 11.018, 521 in meno. Gli attuali positivi sono 306.730 gli attualmente positivi (-8.578). I nuovi guariti 13.929, salgono così a 3.741.149 dall’inizio dell’epidemia.

Quante somministrazioni

Sono 28,3 milioni i vaccini anti-Covid somministrati nel nostro Paese. Si tratta del 94,2% delle dosi finora consegnate, 30,1 milioni. Di questi, 19.999.980 sono di Pfizer/BioNTech, 7.019.480 di AstraZeneca, 2.607.700 di Moderna e 505.800 di Johnson & Johnson. Ammonta a 9.049.348 il totale delle persone che hanno completato il ciclo vaccinale (cioè che hanno ricevuto la prima dose di vaccino e il richiamo). La somministrazione ha riguardato 15,8 milioni di donne e 12,4 milioni di uomini.

Le dosi sono state somministrate a 6,8 milioni di ultraottantenni, 5,8 milioni di “fragili”caregiver, 4,3 milioni di over70, 3,3 milioni di operatori sanitari, 3 milioni sessantenni, 1,4 milioni di lavoratori nella scuola e 1,4 milioni di altre categorie.

La Lombardia ha somministrato 4,9 milioni di dosi corrispondenti al 96,9% di quelle ricevute.  Seguono il Lazio con 2,7 milioni (il 91,7%) e la Campania con 2,6 milioni (il 95,3%).

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.